La scena evangelizzatrice. Il teatro dei missionari nelle colonie spagnole del Centro e Sud America

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Nella storia universale del teatro un ruolo tutt’altro che marginale va riconosciuto alle pratiche sceniche messe in atto nel Centro e Sud Ame¬rica dai padri missionari nel corso della loro azione evangelizzatrice svolta nell’età coloniale. Ciò non soltanto in ragione della loro articola¬zione estesa su vaste aree del continente americano, quanto soprattutto in relazione alle dinamiche attuative rispondenti alle necessità di per¬suasione e comunicazione, laddove i sincretismi stessi, al di là delle va¬lenze etnoantropologiche, vanno visti come supporti di modalità origi¬nali della pratica teatrale legittimamente riconducibili a princìpi fonda¬mentali del fare teatro. È quanto i padri francescani (nella prima stagione della colonizzazione) e i gesuiti successivamente seppero mettere in atto con modalità diverse, ricorrendo anche alla partecipazione attiva degli indios, dei quali seppero valorizzare cultura e tradizioni, oltre che doti artistiche, in particolare nel campo della musica e della danza. All'opera di questi uomini, rimasti in buona parte nell'anonimato, questo saggio rivolgere quell'attenzione utile a meglio comprendere molteplici significati dell'arte scenica, in un contesto estraneo alla visione eurocentrica del teatro borghese.
Lingua originaleItalian
Editoreedizioni di pagina
Numero di pagine129
ISBN (stampa)978-88-7470-416-3
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

@book{71fe9b6b4b1448eb8fb7766421b0fb08,
title = "La scena evangelizzatrice. Il teatro dei missionari nelle colonie spagnole del Centro e Sud America",
abstract = "Nella storia universale del teatro un ruolo tutt’altro che marginale va riconosciuto alle pratiche sceniche messe in atto nel Centro e Sud Ame¬rica dai padri missionari nel corso della loro azione evangelizzatrice svolta nell’et{\`a} coloniale. Ci{\`o} non soltanto in ragione della loro articola¬zione estesa su vaste aree del continente americano, quanto soprattutto in relazione alle dinamiche attuative rispondenti alle necessit{\`a} di per¬suasione e comunicazione, laddove i sincretismi stessi, al di l{\`a} delle va¬lenze etnoantropologiche, vanno visti come supporti di modalit{\`a} origi¬nali della pratica teatrale legittimamente riconducibili a princ{\`i}pi fonda¬mentali del fare teatro. {\`E} quanto i padri francescani (nella prima stagione della colonizzazione) e i gesuiti successivamente seppero mettere in atto con modalit{\`a} diverse, ricorrendo anche alla partecipazione attiva degli indios, dei quali seppero valorizzare cultura e tradizioni, oltre che doti artistiche, in particolare nel campo della musica e della danza. All'opera di questi uomini, rimasti in buona parte nell'anonimato, questo saggio rivolgere quell'attenzione utile a meglio comprendere molteplici significati dell'arte scenica, in un contesto estraneo alla visione eurocentrica del teatro borghese.",
author = "Giovanni Isgro'",
year = "2015",
language = "Italian",
isbn = "978-88-7470-416-3",
publisher = "edizioni di pagina",

}

TY - BOOK

T1 - La scena evangelizzatrice. Il teatro dei missionari nelle colonie spagnole del Centro e Sud America

AU - Isgro', Giovanni

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - Nella storia universale del teatro un ruolo tutt’altro che marginale va riconosciuto alle pratiche sceniche messe in atto nel Centro e Sud Ame¬rica dai padri missionari nel corso della loro azione evangelizzatrice svolta nell’età coloniale. Ciò non soltanto in ragione della loro articola¬zione estesa su vaste aree del continente americano, quanto soprattutto in relazione alle dinamiche attuative rispondenti alle necessità di per¬suasione e comunicazione, laddove i sincretismi stessi, al di là delle va¬lenze etnoantropologiche, vanno visti come supporti di modalità origi¬nali della pratica teatrale legittimamente riconducibili a princìpi fonda¬mentali del fare teatro. È quanto i padri francescani (nella prima stagione della colonizzazione) e i gesuiti successivamente seppero mettere in atto con modalità diverse, ricorrendo anche alla partecipazione attiva degli indios, dei quali seppero valorizzare cultura e tradizioni, oltre che doti artistiche, in particolare nel campo della musica e della danza. All'opera di questi uomini, rimasti in buona parte nell'anonimato, questo saggio rivolgere quell'attenzione utile a meglio comprendere molteplici significati dell'arte scenica, in un contesto estraneo alla visione eurocentrica del teatro borghese.

AB - Nella storia universale del teatro un ruolo tutt’altro che marginale va riconosciuto alle pratiche sceniche messe in atto nel Centro e Sud Ame¬rica dai padri missionari nel corso della loro azione evangelizzatrice svolta nell’età coloniale. Ciò non soltanto in ragione della loro articola¬zione estesa su vaste aree del continente americano, quanto soprattutto in relazione alle dinamiche attuative rispondenti alle necessità di per¬suasione e comunicazione, laddove i sincretismi stessi, al di là delle va¬lenze etnoantropologiche, vanno visti come supporti di modalità origi¬nali della pratica teatrale legittimamente riconducibili a princìpi fonda¬mentali del fare teatro. È quanto i padri francescani (nella prima stagione della colonizzazione) e i gesuiti successivamente seppero mettere in atto con modalità diverse, ricorrendo anche alla partecipazione attiva degli indios, dei quali seppero valorizzare cultura e tradizioni, oltre che doti artistiche, in particolare nel campo della musica e della danza. All'opera di questi uomini, rimasti in buona parte nell'anonimato, questo saggio rivolgere quell'attenzione utile a meglio comprendere molteplici significati dell'arte scenica, in un contesto estraneo alla visione eurocentrica del teatro borghese.

UR - http://hdl.handle.net/10447/138152

M3 - Book

SN - 978-88-7470-416-3

BT - La scena evangelizzatrice. Il teatro dei missionari nelle colonie spagnole del Centro e Sud America

PB - edizioni di pagina

ER -