LA RICOSTRUZIONE DIFFICILE: CONFLITTI SOCIALIE IMPRESE ARCHITETTONICHE NEL VAL DI NOTODOPO IL TERREMOTO DEL 1693

Risultato della ricerca: Other

Abstract

La storiografia riferita alle vicende post sismiche del Val di Noto ha ricorrentemente interpretato lo straordinario patrimonioarchitettonico realizzato dopo il terremoto del 1693 come il risultato di uno sforzo collettivo, che vide coinvolti inmodo sinergico tutti i livelli della società siciliana. Il terremoto è stato insomma visto spesso come un evento traumaticocapace di saldare – in una sorta di comune reazione della vita contro la morte – il governo spagnolo, la nobiltà feudale,il clero e le comunità urbane, queste ultime in una posizione subalterna rispetto alle determinazioni delle tre tradizionalisfere del potere Ancién Regime (Monarchia, Nobiltà e Chiesa).Il progredire degli studi negli ultimi anni sta in realtà conducendo a ragionamenti più articolati e problematici. Se èindubbio infatti che lo sforzo dei tre organi del potere fu sostanzialmente sinergico e rivolto soprattutto a far fronteall’immediata emergenza, ben più complessa ed estesa risulta invece la reazione delle comunità urbane che, come èormai noto, andò ben oltre gli intenti puramente ricostruttivi, attraversando tutto l’arco del XVIII secolo.
Lingua originaleItalian
Pagine23-28
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo