La pornografia minorile nella (nuova) lettura delle Sezioni unite: dal pericolo concreto al reato di danno.

Risultato della ricerca: Article

Abstract

La nota commenta la sentenza delle Sezioni unite sul delitto di pornografia minorile, la quale ritiene che non sia più necessario, viste le nuove formulazioni della disposizione, l’accertamento del pericolo di diffusione del materiale pedopornografico. Nell’articolo si ritiene che sarebbe stata piuttosto preferibile la identificazione di un reato di pericolo presunto, ma non nei casi di “pornografia domestica”, nei quali potrebbe ancora applicarsi il delitto previsto dall’art. 600-quater c.p.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)601-613
Numero di pagine13
RivistaCASSAZIONE PENALE
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Cita questo

@article{319f03496a8a47b189cd0f490b400aff,
title = "La pornografia minorile nella (nuova) lettura delle Sezioni unite: dal pericolo concreto al reato di danno.",
abstract = "La nota commenta la sentenza delle Sezioni unite sul delitto di pornografia minorile, la quale ritiene che non sia pi{\`u} necessario, viste le nuove formulazioni della disposizione, l’accertamento del pericolo di diffusione del materiale pedopornografico. Nell’articolo si ritiene che sarebbe stata piuttosto preferibile la identificazione di un reato di pericolo presunto, ma non nei casi di “pornografia domestica”, nei quali potrebbe ancora applicarsi il delitto previsto dall’art. 600-quater c.p.",
keywords = "Pornografia minorile; Sezioni unite; pericolo concreto; reato di danno.",
author = "Bartolomeo Romano",
year = "2019",
language = "Italian",
pages = "601--613",
journal = "CASSAZIONE PENALE",
issn = "1125-856X",

}

TY - JOUR

T1 - La pornografia minorile nella (nuova) lettura delle Sezioni unite: dal pericolo concreto al reato di danno.

AU - Romano, Bartolomeo

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - La nota commenta la sentenza delle Sezioni unite sul delitto di pornografia minorile, la quale ritiene che non sia più necessario, viste le nuove formulazioni della disposizione, l’accertamento del pericolo di diffusione del materiale pedopornografico. Nell’articolo si ritiene che sarebbe stata piuttosto preferibile la identificazione di un reato di pericolo presunto, ma non nei casi di “pornografia domestica”, nei quali potrebbe ancora applicarsi il delitto previsto dall’art. 600-quater c.p.

AB - La nota commenta la sentenza delle Sezioni unite sul delitto di pornografia minorile, la quale ritiene che non sia più necessario, viste le nuove formulazioni della disposizione, l’accertamento del pericolo di diffusione del materiale pedopornografico. Nell’articolo si ritiene che sarebbe stata piuttosto preferibile la identificazione di un reato di pericolo presunto, ma non nei casi di “pornografia domestica”, nei quali potrebbe ancora applicarsi il delitto previsto dall’art. 600-quater c.p.

KW - Pornografia minorile; Sezioni unite; pericolo concreto; reato di danno.

UR - http://hdl.handle.net/10447/350795

M3 - Article

SP - 601

EP - 613

JO - CASSAZIONE PENALE

JF - CASSAZIONE PENALE

SN - 1125-856X

ER -