La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

L’anfiteatro di Sabratha venne indagato nel 1924-26 da Renato Bartoccini, interessato in seguito da pochi interventi di scavo e restauro, è rimasto inedito. Le recenti indagini hanno permesso di redigere un nuovo rilievo e di avanzare un’ipotesi ricostruttiva. Terzo per grandezza tra gli anfiteatri noti nell’Africa Proconsolare, con una capacità stimata di circa 16.000 spettatori, è realizzato interamente in opera quadrata con conci di calcarenite locale e sembra essere stato progettato sulla base del cubito punico. Venne eretto probabilmente in età flavia all’interno di un più vasto progetto di ristrutturazione urbana e la sua enorme mole è giustificabile con il ruolo di Sabratha quale importante capolinea delle rotte carovaniere.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteL’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013
Pagine269-281
Numero di pagine13
VolumeI
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

Montali, G. (2015). La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha. In L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013 (Vol. I, pagg. 269-281)

La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha. / Montali, Gilberto.

L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013. Vol. I 2015. pag. 269-281.

Risultato della ricerca: Chapter

Montali, G 2015, La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha. in L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013. vol. I, pagg. 269-281.
Montali G. La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha. In L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013. Vol. I. 2015. pag. 269-281
Montali, Gilberto. / La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha. L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013. Vol. I 2015. pagg. 269-281
@inbook{c27ddc8468354c5cb9fb9111854d0286,
title = "La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha",
abstract = "L’anfiteatro di Sabratha venne indagato nel 1924-26 da Renato Bartoccini, interessato in seguito da pochi interventi di scavo e restauro, {\`e} rimasto inedito. Le recenti indagini hanno permesso di redigere un nuovo rilievo e di avanzare un’ipotesi ricostruttiva. Terzo per grandezza tra gli anfiteatri noti nell’Africa Proconsolare, con una capacit{\`a} stimata di circa 16.000 spettatori, {\`e} realizzato interamente in opera quadrata con conci di calcarenite locale e sembra essere stato progettato sulla base del cubito punico. Venne eretto probabilmente in et{\`a} flavia all’interno di un pi{\`u} vasto progetto di ristrutturazione urbana e la sua enorme mole {\`e} giustificabile con il ruolo di Sabratha quale importante capolinea delle rotte carovaniere.",
keywords = "Sabratha; anfiteatro; tecnica costruttiva; cubito punico; ragione geometrica del progetto.",
author = "Gilberto Montali",
year = "2015",
language = "Italian",
isbn = "978-88-430-7400-6",
volume = "I",
pages = "269--281",
booktitle = "L’Africa romana XX. Momenti di continuit{\`a} e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013",

}

TY - CHAP

T1 - La persistenza della tradizione: considerazioni sulla tecnica costruttiva, sul dimensionamento e sul disegno progettuale dell’anfiteatro di Sabratha

AU - Montali, Gilberto

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - L’anfiteatro di Sabratha venne indagato nel 1924-26 da Renato Bartoccini, interessato in seguito da pochi interventi di scavo e restauro, è rimasto inedito. Le recenti indagini hanno permesso di redigere un nuovo rilievo e di avanzare un’ipotesi ricostruttiva. Terzo per grandezza tra gli anfiteatri noti nell’Africa Proconsolare, con una capacità stimata di circa 16.000 spettatori, è realizzato interamente in opera quadrata con conci di calcarenite locale e sembra essere stato progettato sulla base del cubito punico. Venne eretto probabilmente in età flavia all’interno di un più vasto progetto di ristrutturazione urbana e la sua enorme mole è giustificabile con il ruolo di Sabratha quale importante capolinea delle rotte carovaniere.

AB - L’anfiteatro di Sabratha venne indagato nel 1924-26 da Renato Bartoccini, interessato in seguito da pochi interventi di scavo e restauro, è rimasto inedito. Le recenti indagini hanno permesso di redigere un nuovo rilievo e di avanzare un’ipotesi ricostruttiva. Terzo per grandezza tra gli anfiteatri noti nell’Africa Proconsolare, con una capacità stimata di circa 16.000 spettatori, è realizzato interamente in opera quadrata con conci di calcarenite locale e sembra essere stato progettato sulla base del cubito punico. Venne eretto probabilmente in età flavia all’interno di un più vasto progetto di ristrutturazione urbana e la sua enorme mole è giustificabile con il ruolo di Sabratha quale importante capolinea delle rotte carovaniere.

KW - Sabratha; anfiteatro; tecnica costruttiva; cubito punico; ragione geometrica del progetto.

UR - http://hdl.handle.net/10447/338997

M3 - Chapter

SN - 978-88-430-7400-6

VL - I

SP - 269

EP - 281

BT - L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’anni di convegni L’Africa romana Atti del xx Convegno Internazionale di studi Alghero - Porto Conte Ricerche, 26-29 settembre 2013

ER -