La memoria del bene nella generazione della persona. Riflessioni di filosofiadell’educazione a partire da Hannah Arendt

Risultato della ricerca: Conference contribution

Abstract

Nella prospettiva di una filosofia fenomenologica dell'educazione, na partire dalle varie forme presentismo e di scetticismo etico del nostro tempo, viene presentata una lettura di alcune pagine della riflessione “pedagogica” di Hannah Arendt contenuta soprattutto nella raccolta di saggi Tra passato e futuro. Viene messo in luce come per l'autrice la crisi della memoria storica abbia conseguenze specifiche sulla “natalità”, termine con il quale ella indica l’arrivo del nuovo, quindi anche l’arrivo di nuovi nati e generi di conseguenza una vera e propria "crisi dell'educazione".
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteMemoria e educazione. Identità narrazione diversità.
Pagine111-121
Numero di pagine11
Stato di pubblicazionePublished - 2020

Cita questo