La frana sul Caos della città dei Templi

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il 19 luglio del 1966 a Agrigento fu apocalisse. Svelò trame, illegalità, corruzioni, pratiche diffuse di malgoverno. Quel giorno si scoperchiò il pentolone di una speculazione edilizia smisurata e arrogante. La politica si permetteva tutto, senza ritegno. La magistratura – ma non solo essa – non vedeva, non sentiva, forse dormiva. Palazzi che non dovevano superare i 25 metri di altezza ne raggiungevano 53. Altre costruzioni, che dovevano arrivare a 17 metri, salivano fino a 48. Via Empedocle era la più abusata. Fu frana tremenda. Col merito, paradossale, di mettere un freno a eccessi per non poche ragioni ingiustificabili.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)31-34
Numero di pagine4
RivistaSEGNO
Volume376-7
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo