La fotogenia: logiche espressive dell’immagine fotografica

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Cosa rende una fotografia espressiva? Quali caratteristiche peculiari riconosciamo alle fotografie? Per rispondere a queste domande bisogna evidenziare che la fotografia è innanzi tutto un modo di guardare la realtà, di concentrare l’attenzione su determinati particolari che nel fluire della percezione ordinaria andrebbero altrimenti persi. La fotogenia – la maggiorazione estetica che un oggetto assume nella rappresentazione fotografica – diviene l’elemento discriminante capace di dare un senso alla fotografia: un oggetto fotografato assume differenti caratteristiche da quelle che ha nella realtà; esse dipendono direttamente dalle logiche espressive del medium che lo rappresenta. Un soggetto o un oggetto fotografato sono fotogenici perché il fotografo è riuscito a mettere in evidenza una particolare e significativa caratteristica che solo la rappresentazione fotografica è capace di mostrare: avere piena padronanza della tecnica fotografica significa guardare la realtà con occhio fotografico, essere attenti a quei fugaci dettagli che, se ben resi nell’immagine, fanno sì che essa sia fotogenica. La fotogenia è quella caratteristica mediata dal fotografo di rendere esteticamente un soggetto o un oggetto fotografico, di sottolinearne alcuni aspetti che altrimenti rimarrebbero inespressi. Una fotografia che definiamo fotogenica deve far coincidere nella sua compiutezza verità e bellezza: ogni soggetto se ben fotografato è fotogenico, anche l’oggetto brutto è bello (cioè fotogenico) se ben fotografato. Per mettere alla prova dei fatti quanto detto, è utile un esempio concreto: Edward Weston trae ispirazione dall’osservazione delle forme del WC della propria casa messicana e ne fa soggetto di una fotografia (Excusado, 1925). Nel diario di quei giorni Weston riflette sulla forma e sul valore di (una fotografia di) un WC, sul significato della rappresentazione fotografica, sul senso e sul valore che un oggetto comune assume una volta che richiama l’attenzione del fotografo e cattura il suo sguardo sino a divenire una fotografia. Il fotografo è quindi capace di scoprire in un oggetto conosciuto, per mezzo di una migliore focalizzazione dello sguardo attirato dalla forma, che questo è visibile in un’altra prospettiva, in una maniera differente e, a partire da questa, è capace di rappresentarlo fotograficamente, in maniera che possiamo definire fotogenica.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Cita questo

La fotogenia: logiche espressive dell’immagine fotografica. / Crescimanno, Emanuele.

2010, .

Risultato della ricerca: Other contribution

@misc{dff37515d41e465b9f3323dbb0571272,
title = "La fotogenia: logiche espressive dell’immagine fotografica",
abstract = "Cosa rende una fotografia espressiva? Quali caratteristiche peculiari riconosciamo alle fotografie? Per rispondere a queste domande bisogna evidenziare che la fotografia {\`e} innanzi tutto un modo di guardare la realt{\`a}, di concentrare l’attenzione su determinati particolari che nel fluire della percezione ordinaria andrebbero altrimenti persi. La fotogenia – la maggiorazione estetica che un oggetto assume nella rappresentazione fotografica – diviene l’elemento discriminante capace di dare un senso alla fotografia: un oggetto fotografato assume differenti caratteristiche da quelle che ha nella realt{\`a}; esse dipendono direttamente dalle logiche espressive del medium che lo rappresenta. Un soggetto o un oggetto fotografato sono fotogenici perch{\'e} il fotografo {\`e} riuscito a mettere in evidenza una particolare e significativa caratteristica che solo la rappresentazione fotografica {\`e} capace di mostrare: avere piena padronanza della tecnica fotografica significa guardare la realt{\`a} con occhio fotografico, essere attenti a quei fugaci dettagli che, se ben resi nell’immagine, fanno s{\`i} che essa sia fotogenica. La fotogenia {\`e} quella caratteristica mediata dal fotografo di rendere esteticamente un soggetto o un oggetto fotografico, di sottolinearne alcuni aspetti che altrimenti rimarrebbero inespressi. Una fotografia che definiamo fotogenica deve far coincidere nella sua compiutezza verit{\`a} e bellezza: ogni soggetto se ben fotografato {\`e} fotogenico, anche l’oggetto brutto {\`e} bello (cio{\`e} fotogenico) se ben fotografato. Per mettere alla prova dei fatti quanto detto, {\`e} utile un esempio concreto: Edward Weston trae ispirazione dall’osservazione delle forme del WC della propria casa messicana e ne fa soggetto di una fotografia (Excusado, 1925). Nel diario di quei giorni Weston riflette sulla forma e sul valore di (una fotografia di) un WC, sul significato della rappresentazione fotografica, sul senso e sul valore che un oggetto comune assume una volta che richiama l’attenzione del fotografo e cattura il suo sguardo sino a divenire una fotografia. Il fotografo {\`e} quindi capace di scoprire in un oggetto conosciuto, per mezzo di una migliore focalizzazione dello sguardo attirato dalla forma, che questo {\`e} visibile in un’altra prospettiva, in una maniera differente e, a partire da questa, {\`e} capace di rappresentarlo fotograficamente, in maniera che possiamo definire fotogenica.",
keywords = "estetica, fotografia, fotogenia",
author = "Emanuele Crescimanno",
year = "2010",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - La fotogenia: logiche espressive dell’immagine fotografica

AU - Crescimanno, Emanuele

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - Cosa rende una fotografia espressiva? Quali caratteristiche peculiari riconosciamo alle fotografie? Per rispondere a queste domande bisogna evidenziare che la fotografia è innanzi tutto un modo di guardare la realtà, di concentrare l’attenzione su determinati particolari che nel fluire della percezione ordinaria andrebbero altrimenti persi. La fotogenia – la maggiorazione estetica che un oggetto assume nella rappresentazione fotografica – diviene l’elemento discriminante capace di dare un senso alla fotografia: un oggetto fotografato assume differenti caratteristiche da quelle che ha nella realtà; esse dipendono direttamente dalle logiche espressive del medium che lo rappresenta. Un soggetto o un oggetto fotografato sono fotogenici perché il fotografo è riuscito a mettere in evidenza una particolare e significativa caratteristica che solo la rappresentazione fotografica è capace di mostrare: avere piena padronanza della tecnica fotografica significa guardare la realtà con occhio fotografico, essere attenti a quei fugaci dettagli che, se ben resi nell’immagine, fanno sì che essa sia fotogenica. La fotogenia è quella caratteristica mediata dal fotografo di rendere esteticamente un soggetto o un oggetto fotografico, di sottolinearne alcuni aspetti che altrimenti rimarrebbero inespressi. Una fotografia che definiamo fotogenica deve far coincidere nella sua compiutezza verità e bellezza: ogni soggetto se ben fotografato è fotogenico, anche l’oggetto brutto è bello (cioè fotogenico) se ben fotografato. Per mettere alla prova dei fatti quanto detto, è utile un esempio concreto: Edward Weston trae ispirazione dall’osservazione delle forme del WC della propria casa messicana e ne fa soggetto di una fotografia (Excusado, 1925). Nel diario di quei giorni Weston riflette sulla forma e sul valore di (una fotografia di) un WC, sul significato della rappresentazione fotografica, sul senso e sul valore che un oggetto comune assume una volta che richiama l’attenzione del fotografo e cattura il suo sguardo sino a divenire una fotografia. Il fotografo è quindi capace di scoprire in un oggetto conosciuto, per mezzo di una migliore focalizzazione dello sguardo attirato dalla forma, che questo è visibile in un’altra prospettiva, in una maniera differente e, a partire da questa, è capace di rappresentarlo fotograficamente, in maniera che possiamo definire fotogenica.

AB - Cosa rende una fotografia espressiva? Quali caratteristiche peculiari riconosciamo alle fotografie? Per rispondere a queste domande bisogna evidenziare che la fotografia è innanzi tutto un modo di guardare la realtà, di concentrare l’attenzione su determinati particolari che nel fluire della percezione ordinaria andrebbero altrimenti persi. La fotogenia – la maggiorazione estetica che un oggetto assume nella rappresentazione fotografica – diviene l’elemento discriminante capace di dare un senso alla fotografia: un oggetto fotografato assume differenti caratteristiche da quelle che ha nella realtà; esse dipendono direttamente dalle logiche espressive del medium che lo rappresenta. Un soggetto o un oggetto fotografato sono fotogenici perché il fotografo è riuscito a mettere in evidenza una particolare e significativa caratteristica che solo la rappresentazione fotografica è capace di mostrare: avere piena padronanza della tecnica fotografica significa guardare la realtà con occhio fotografico, essere attenti a quei fugaci dettagli che, se ben resi nell’immagine, fanno sì che essa sia fotogenica. La fotogenia è quella caratteristica mediata dal fotografo di rendere esteticamente un soggetto o un oggetto fotografico, di sottolinearne alcuni aspetti che altrimenti rimarrebbero inespressi. Una fotografia che definiamo fotogenica deve far coincidere nella sua compiutezza verità e bellezza: ogni soggetto se ben fotografato è fotogenico, anche l’oggetto brutto è bello (cioè fotogenico) se ben fotografato. Per mettere alla prova dei fatti quanto detto, è utile un esempio concreto: Edward Weston trae ispirazione dall’osservazione delle forme del WC della propria casa messicana e ne fa soggetto di una fotografia (Excusado, 1925). Nel diario di quei giorni Weston riflette sulla forma e sul valore di (una fotografia di) un WC, sul significato della rappresentazione fotografica, sul senso e sul valore che un oggetto comune assume una volta che richiama l’attenzione del fotografo e cattura il suo sguardo sino a divenire una fotografia. Il fotografo è quindi capace di scoprire in un oggetto conosciuto, per mezzo di una migliore focalizzazione dello sguardo attirato dalla forma, che questo è visibile in un’altra prospettiva, in una maniera differente e, a partire da questa, è capace di rappresentarlo fotograficamente, in maniera che possiamo definire fotogenica.

KW - estetica, fotografia, fotogenia

UR - http://hdl.handle.net/10447/53272

M3 - Other contribution

ER -