La fortuna di un modello nell'urbanistica siciliana d'età moderna

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La solenne e affollata cerimonia celebrata a Palermo il 21 dicembre 1608 non segnava soltanto l’avvio del cantiere dei Quattro Canti, suggellava anche la conclusione di una campagna di interventi urbanistici extraordinaria che, avviata a partire della metà del XVI secolo, aveva avuto nella realizzazione delle strade Maqueda (1600) e Villalba (1603) i suoi ultimi atti. I Quattro Canti palermitani, nonostante le difficoltà e le lentezze del cantiere, dovettero riscuotere da subito uno straordinario successo, anche grazie alla loro immancabile presenza in atlanti, vedute e incisioni che presto li avrebbero fatti conoscere a un pubblico assai vasto, conferendo loro quel valore iconico per la città che ancora oggi conservano, tanto da esercitare una notevole influenza sull’urbanistica siciliana tra Sei e Ottocento. Il modello della piazza ottagonale, elaborata in diverse declinazioni ma sempre posta all'intersezione di una croce di strade, sarebbe stato riproposto nell'isola in numerose, importanti esperienze di pianificazione e progettazione urbana, in centri grandi e piccoli, in operazioni di rinnovamento, di ricostruzione o di espansione delle città.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteI Quattro Canti di Palermo. Retorica e rappresentazione nella Sicilia del Seicento 1608-2008
Pagine107-125
Numero di pagine19
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Serie di pubblicazioni

NomeFRAMMENTI DI STORIA E ARCHITETTURA

Cita questo