La formazione del giurista. Contributi a una riflessione

Risultato della ricerca: Other report

Abstract

Il libro – che in parte riproduce gli interventi di un convegno dallo stesso titolo – si propone come un momento di riflessione, per dir così ‘interna’ (in quanto svolta da coloro che professionalmente se ne occupano), sul tema della formazione che gli attuali corsi universitari di giurisprudenza assicurano ai futuri giuristi e operatori del diritto. Negli scorsi anni, una serie non ancora interrotta di riforme ha toccato nel profondo vari punti del precedente assetto universitario e gli studi giuridici paiono averne risentito in maniera forse più negativa che positiva. Anche il calo delle immatricolazioni – sebbene si tratti di un fenomeno che interessa l’intero mondo universitario italiano – pare aver colpito i corsi giuridici più di altri. L’analisi, evidentemente, non può limitarsi a questo o quell’aspetto della politica universitaria. Quanti si occupano di formare i futuri giuristi (avvocati, notai, magistrati) ma anche di preparare i giovani per quelle nuove professioni che una società in continua evoluzione viene proponendo e che richiedono anch’esse una formazione nelle materie giuridiche, hanno il dovere di interrogarsi sulla perdurante attualità della loro offerta. Il metodo tradizionale è ancora quello che può dare i risultati migliori? I contenuti dei vari insegnamenti sono ancora adeguati? Si presta la necessaria attenzione al linguaggio utilizzato (troppo spesso ancora in bilico tra il latinorum manzoniano e il pur necessario tecnicismo)? È meglio accentuare ancora i profili professionalizzanti o è piuttosto il caso di puntare su una formazione meno legata al dato normativo spicciolo (spesso destinato a vita assai breve) e più improntata, invece, a formare intelligenze vive, culturalmente preparate ai casi sempre nuovi della vita reale, ai problemi che ancora non hanno trovato una disciplina definita, alle situazioni in rapido divenire?Il volume raccoglie i contributi di voci diverse ma tutte accomunate dal desiderio di reagire a quello che appare come un momento di difficoltà. Gli autori sono Federigo Bambi, Antonio Banfi, Emanuele Conte, Loredana Garlati, Tommaso Greco, Nicolò Lipari, Maria Rosaria Marella, Antonio Padoa Schioppa, Beatrice Pasciuta, Giovanni Pascuzzi, Margherita Ramajoli, Giorgio Resta, Emanuele Stolfi, Vincenzo Zeno Zencovich.
Lingua originaleItalian
EditoreRoma TrE-Press
Numero di pagine193
ISBN (stampa)978-88-94885-73-6
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Serie di pubblicazioni

NomeLA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO

Cita questo

Pasciuta, B. (2018). La formazione del giurista. Contributi a una riflessione. (LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO). Roma TrE-Press.

La formazione del giurista. Contributi a una riflessione. / Pasciuta, Beatrice.

Roma TrE-Press, 2018. 193 pag. (LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO).

Risultato della ricerca: Other report

Pasciuta, B 2018, La formazione del giurista. Contributi a una riflessione. LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO, Roma TrE-Press.
Pasciuta B. La formazione del giurista. Contributi a una riflessione. Roma TrE-Press, 2018. 193 pag. (LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO).
Pasciuta, Beatrice. / La formazione del giurista. Contributi a una riflessione. Roma TrE-Press, 2018. 193 pag. (LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO).
@book{2c8588b89f234516ba5545d36dd3acdf,
title = "La formazione del giurista. Contributi a una riflessione",
abstract = "Il libro – che in parte riproduce gli interventi di un convegno dallo stesso titolo – si propone come un momento di riflessione, per dir cos{\`i} ‘interna’ (in quanto svolta da coloro che professionalmente se ne occupano), sul tema della formazione che gli attuali corsi universitari di giurisprudenza assicurano ai futuri giuristi e operatori del diritto. Negli scorsi anni, una serie non ancora interrotta di riforme ha toccato nel profondo vari punti del precedente assetto universitario e gli studi giuridici paiono averne risentito in maniera forse pi{\`u} negativa che positiva. Anche il calo delle immatricolazioni – sebbene si tratti di un fenomeno che interessa l’intero mondo universitario italiano – pare aver colpito i corsi giuridici pi{\`u} di altri. L’analisi, evidentemente, non pu{\`o} limitarsi a questo o quell’aspetto della politica universitaria. Quanti si occupano di formare i futuri giuristi (avvocati, notai, magistrati) ma anche di preparare i giovani per quelle nuove professioni che una societ{\`a} in continua evoluzione viene proponendo e che richiedono anch’esse una formazione nelle materie giuridiche, hanno il dovere di interrogarsi sulla perdurante attualit{\`a} della loro offerta. Il metodo tradizionale {\`e} ancora quello che pu{\`o} dare i risultati migliori? I contenuti dei vari insegnamenti sono ancora adeguati? Si presta la necessaria attenzione al linguaggio utilizzato (troppo spesso ancora in bilico tra il latinorum manzoniano e il pur necessario tecnicismo)? {\`E} meglio accentuare ancora i profili professionalizzanti o {\`e} piuttosto il caso di puntare su una formazione meno legata al dato normativo spicciolo (spesso destinato a vita assai breve) e pi{\`u} improntata, invece, a formare intelligenze vive, culturalmente preparate ai casi sempre nuovi della vita reale, ai problemi che ancora non hanno trovato una disciplina definita, alle situazioni in rapido divenire?Il volume raccoglie i contributi di voci diverse ma tutte accomunate dal desiderio di reagire a quello che appare come un momento di difficolt{\`a}. Gli autori sono Federigo Bambi, Antonio Banfi, Emanuele Conte, Loredana Garlati, Tommaso Greco, Nicol{\`o} Lipari, Maria Rosaria Marella, Antonio Padoa Schioppa, Beatrice Pasciuta, Giovanni Pascuzzi, Margherita Ramajoli, Giorgio Resta, Emanuele Stolfi, Vincenzo Zeno Zencovich.",
author = "Beatrice Pasciuta",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "978-88-94885-73-6",
series = "LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO",
publisher = "Roma TrE-Press",

}

TY - BOOK

T1 - La formazione del giurista. Contributi a una riflessione

AU - Pasciuta, Beatrice

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Il libro – che in parte riproduce gli interventi di un convegno dallo stesso titolo – si propone come un momento di riflessione, per dir così ‘interna’ (in quanto svolta da coloro che professionalmente se ne occupano), sul tema della formazione che gli attuali corsi universitari di giurisprudenza assicurano ai futuri giuristi e operatori del diritto. Negli scorsi anni, una serie non ancora interrotta di riforme ha toccato nel profondo vari punti del precedente assetto universitario e gli studi giuridici paiono averne risentito in maniera forse più negativa che positiva. Anche il calo delle immatricolazioni – sebbene si tratti di un fenomeno che interessa l’intero mondo universitario italiano – pare aver colpito i corsi giuridici più di altri. L’analisi, evidentemente, non può limitarsi a questo o quell’aspetto della politica universitaria. Quanti si occupano di formare i futuri giuristi (avvocati, notai, magistrati) ma anche di preparare i giovani per quelle nuove professioni che una società in continua evoluzione viene proponendo e che richiedono anch’esse una formazione nelle materie giuridiche, hanno il dovere di interrogarsi sulla perdurante attualità della loro offerta. Il metodo tradizionale è ancora quello che può dare i risultati migliori? I contenuti dei vari insegnamenti sono ancora adeguati? Si presta la necessaria attenzione al linguaggio utilizzato (troppo spesso ancora in bilico tra il latinorum manzoniano e il pur necessario tecnicismo)? È meglio accentuare ancora i profili professionalizzanti o è piuttosto il caso di puntare su una formazione meno legata al dato normativo spicciolo (spesso destinato a vita assai breve) e più improntata, invece, a formare intelligenze vive, culturalmente preparate ai casi sempre nuovi della vita reale, ai problemi che ancora non hanno trovato una disciplina definita, alle situazioni in rapido divenire?Il volume raccoglie i contributi di voci diverse ma tutte accomunate dal desiderio di reagire a quello che appare come un momento di difficoltà. Gli autori sono Federigo Bambi, Antonio Banfi, Emanuele Conte, Loredana Garlati, Tommaso Greco, Nicolò Lipari, Maria Rosaria Marella, Antonio Padoa Schioppa, Beatrice Pasciuta, Giovanni Pascuzzi, Margherita Ramajoli, Giorgio Resta, Emanuele Stolfi, Vincenzo Zeno Zencovich.

AB - Il libro – che in parte riproduce gli interventi di un convegno dallo stesso titolo – si propone come un momento di riflessione, per dir così ‘interna’ (in quanto svolta da coloro che professionalmente se ne occupano), sul tema della formazione che gli attuali corsi universitari di giurisprudenza assicurano ai futuri giuristi e operatori del diritto. Negli scorsi anni, una serie non ancora interrotta di riforme ha toccato nel profondo vari punti del precedente assetto universitario e gli studi giuridici paiono averne risentito in maniera forse più negativa che positiva. Anche il calo delle immatricolazioni – sebbene si tratti di un fenomeno che interessa l’intero mondo universitario italiano – pare aver colpito i corsi giuridici più di altri. L’analisi, evidentemente, non può limitarsi a questo o quell’aspetto della politica universitaria. Quanti si occupano di formare i futuri giuristi (avvocati, notai, magistrati) ma anche di preparare i giovani per quelle nuove professioni che una società in continua evoluzione viene proponendo e che richiedono anch’esse una formazione nelle materie giuridiche, hanno il dovere di interrogarsi sulla perdurante attualità della loro offerta. Il metodo tradizionale è ancora quello che può dare i risultati migliori? I contenuti dei vari insegnamenti sono ancora adeguati? Si presta la necessaria attenzione al linguaggio utilizzato (troppo spesso ancora in bilico tra il latinorum manzoniano e il pur necessario tecnicismo)? È meglio accentuare ancora i profili professionalizzanti o è piuttosto il caso di puntare su una formazione meno legata al dato normativo spicciolo (spesso destinato a vita assai breve) e più improntata, invece, a formare intelligenze vive, culturalmente preparate ai casi sempre nuovi della vita reale, ai problemi che ancora non hanno trovato una disciplina definita, alle situazioni in rapido divenire?Il volume raccoglie i contributi di voci diverse ma tutte accomunate dal desiderio di reagire a quello che appare come un momento di difficoltà. Gli autori sono Federigo Bambi, Antonio Banfi, Emanuele Conte, Loredana Garlati, Tommaso Greco, Nicolò Lipari, Maria Rosaria Marella, Antonio Padoa Schioppa, Beatrice Pasciuta, Giovanni Pascuzzi, Margherita Ramajoli, Giorgio Resta, Emanuele Stolfi, Vincenzo Zeno Zencovich.

UR - http://hdl.handle.net/10447/283435

UR - http://romatrepress.uniroma3.it/ojs/index.php/giurista

M3 - Other report

SN - 978-88-94885-73-6

T3 - LA CULTURA GIURIDICA. TESTI DI SCIENZA, TEORIA E STORIA DEL DIRITTO

BT - La formazione del giurista. Contributi a una riflessione

PB - Roma TrE-Press

ER -