La durabilità dei componenti edilizi

Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U

Risultato della ricerca: Book

Abstract

La pubblicazione riporta una sintesi dei risultati della ricerca scientifica nazionale (PRIN-2003) su “Metodologie di progettazione e di valutazione della durabilità dei componenti edilizi in processi di produzione sostenibili, finalizzate alla programmazione della manutenzione degli edifici” delle sei unità di ricerca (Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università degli Studi Federico II di Napoli, Università degli Studi di Palermo, Università degli Studi di Catania, Università degli Studi di Brescia). La ricerca è condotta in coerenza con quanto si sta sviluppando a livello internazionale nell’ambito dell’International Council for Research and Innovation in Buiding and Construction (CIB), in particolare nella Commissione CIB W80 Prediction of Service Life of Building Materials and Components, nonché nei correlati lavori dell’ISO TC 59 SC14 per l’elaborazione delle varie parti della norma ISO 15686 “Service life planning”. Il lavoro ha portato nel 2006 alla uscita della prima norma italiana UNI 11156 “Valutazione della durabilità dei componenti edilizi” articolata in tre parti: “Terminologia e definizione dei parametri di valutazione”, ”Metodi per la valutazione della propensione all’affidabilità”, ”Metodi per la valutazione della durata”. I risultati finora acquisiti costituiscono già un significativo riferimento per gli operatori di committenza pubblica e privata in interventi edilizi di nuova costruzione ai fini di organizzare per essi una manutenzione programmata atta ad assicurare nel tempo il mantenimento di un livello di qualità tecnologica adeguato, con benefico effetto di riduzione dei costi di gestione degli edifici. Ciò potrà essere perseguito attraverso la conoscenza della qualità tecnologica utile dei componenti edilizi dei componenti edilizi richiedibile attraverso le specifiche di durabilità direttamente imponibili da parte dei progettisti nei capitolati speciali d’appalto secondo i dettati della sopra citata norma UNI 11156.
Lingua originaleEnglish
EditoreediTecnica
ISBN (stampa)978-88-7454-045-7
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo

Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U (2008). La durabilità dei componenti edilizi. ediTecnica.

La durabilità dei componenti edilizi. / Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U.

ediTecnica, 2008.

Risultato della ricerca: Book

Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U 2008, La durabilità dei componenti edilizi. ediTecnica.
Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U. La durabilità dei componenti edilizi. ediTecnica, 2008.
Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U. / La durabilità dei componenti edilizi. ediTecnica, 2008.
@book{5946815347b74afcb2dfe0d89d4cdcc8,
title = "La durabilit{\`a} dei componenti edilizi",
abstract = "La pubblicazione riporta una sintesi dei risultati della ricerca scientifica nazionale (PRIN-2003) su “Metodologie di progettazione e di valutazione della durabilit{\`a} dei componenti edilizi in processi di produzione sostenibili, finalizzate alla programmazione della manutenzione degli edifici” delle sei unit{\`a} di ricerca (Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Universit{\`a} degli Studi Federico II di Napoli, Universit{\`a} degli Studi di Palermo, Universit{\`a} degli Studi di Catania, Universit{\`a} degli Studi di Brescia). La ricerca {\`e} condotta in coerenza con quanto si sta sviluppando a livello internazionale nell’ambito dell’International Council for Research and Innovation in Buiding and Construction (CIB), in particolare nella Commissione CIB W80 Prediction of Service Life of Building Materials and Components, nonch{\'e} nei correlati lavori dell’ISO TC 59 SC14 per l’elaborazione delle varie parti della norma ISO 15686 “Service life planning”. Il lavoro ha portato nel 2006 alla uscita della prima norma italiana UNI 11156 “Valutazione della durabilit{\`a} dei componenti edilizi” articolata in tre parti: “Terminologia e definizione dei parametri di valutazione”, ”Metodi per la valutazione della propensione all’affidabilit{\`a}”, ”Metodi per la valutazione della durata”. I risultati finora acquisiti costituiscono gi{\`a} un significativo riferimento per gli operatori di committenza pubblica e privata in interventi edilizi di nuova costruzione ai fini di organizzare per essi una manutenzione programmata atta ad assicurare nel tempo il mantenimento di un livello di qualit{\`a} tecnologica adeguato, con benefico effetto di riduzione dei costi di gestione degli edifici. Ci{\`o} potr{\`a} essere perseguito attraverso la conoscenza della qualit{\`a} tecnologica utile dei componenti edilizi dei componenti edilizi richiedibile attraverso le specifiche di durabilit{\`a} direttamente imponibili da parte dei progettisti nei capitolati speciali d’appalto secondo i dettati della sopra citata norma UNI 11156.",
author = "{Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U} and Giuseppe Alaimo",
year = "2008",
language = "English",
isbn = "978-88-7454-045-7",
publisher = "ediTecnica",

}

TY - BOOK

T1 - La durabilità dei componenti edilizi

AU - Maggi, Pn; Daniotti, B; Ciribini, A; Morra, L; Nicolella, M; Rodono', U

AU - Alaimo, Giuseppe

PY - 2008

Y1 - 2008

N2 - La pubblicazione riporta una sintesi dei risultati della ricerca scientifica nazionale (PRIN-2003) su “Metodologie di progettazione e di valutazione della durabilità dei componenti edilizi in processi di produzione sostenibili, finalizzate alla programmazione della manutenzione degli edifici” delle sei unità di ricerca (Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università degli Studi Federico II di Napoli, Università degli Studi di Palermo, Università degli Studi di Catania, Università degli Studi di Brescia). La ricerca è condotta in coerenza con quanto si sta sviluppando a livello internazionale nell’ambito dell’International Council for Research and Innovation in Buiding and Construction (CIB), in particolare nella Commissione CIB W80 Prediction of Service Life of Building Materials and Components, nonché nei correlati lavori dell’ISO TC 59 SC14 per l’elaborazione delle varie parti della norma ISO 15686 “Service life planning”. Il lavoro ha portato nel 2006 alla uscita della prima norma italiana UNI 11156 “Valutazione della durabilità dei componenti edilizi” articolata in tre parti: “Terminologia e definizione dei parametri di valutazione”, ”Metodi per la valutazione della propensione all’affidabilità”, ”Metodi per la valutazione della durata”. I risultati finora acquisiti costituiscono già un significativo riferimento per gli operatori di committenza pubblica e privata in interventi edilizi di nuova costruzione ai fini di organizzare per essi una manutenzione programmata atta ad assicurare nel tempo il mantenimento di un livello di qualità tecnologica adeguato, con benefico effetto di riduzione dei costi di gestione degli edifici. Ciò potrà essere perseguito attraverso la conoscenza della qualità tecnologica utile dei componenti edilizi dei componenti edilizi richiedibile attraverso le specifiche di durabilità direttamente imponibili da parte dei progettisti nei capitolati speciali d’appalto secondo i dettati della sopra citata norma UNI 11156.

AB - La pubblicazione riporta una sintesi dei risultati della ricerca scientifica nazionale (PRIN-2003) su “Metodologie di progettazione e di valutazione della durabilità dei componenti edilizi in processi di produzione sostenibili, finalizzate alla programmazione della manutenzione degli edifici” delle sei unità di ricerca (Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università degli Studi Federico II di Napoli, Università degli Studi di Palermo, Università degli Studi di Catania, Università degli Studi di Brescia). La ricerca è condotta in coerenza con quanto si sta sviluppando a livello internazionale nell’ambito dell’International Council for Research and Innovation in Buiding and Construction (CIB), in particolare nella Commissione CIB W80 Prediction of Service Life of Building Materials and Components, nonché nei correlati lavori dell’ISO TC 59 SC14 per l’elaborazione delle varie parti della norma ISO 15686 “Service life planning”. Il lavoro ha portato nel 2006 alla uscita della prima norma italiana UNI 11156 “Valutazione della durabilità dei componenti edilizi” articolata in tre parti: “Terminologia e definizione dei parametri di valutazione”, ”Metodi per la valutazione della propensione all’affidabilità”, ”Metodi per la valutazione della durata”. I risultati finora acquisiti costituiscono già un significativo riferimento per gli operatori di committenza pubblica e privata in interventi edilizi di nuova costruzione ai fini di organizzare per essi una manutenzione programmata atta ad assicurare nel tempo il mantenimento di un livello di qualità tecnologica adeguato, con benefico effetto di riduzione dei costi di gestione degli edifici. Ciò potrà essere perseguito attraverso la conoscenza della qualità tecnologica utile dei componenti edilizi dei componenti edilizi richiedibile attraverso le specifiche di durabilità direttamente imponibili da parte dei progettisti nei capitolati speciali d’appalto secondo i dettati della sopra citata norma UNI 11156.

UR - http://hdl.handle.net/10447/17963

M3 - Book

SN - 978-88-7454-045-7

BT - La durabilità dei componenti edilizi

PB - ediTecnica

ER -