La disobbedienza civile tra testimonianza ed efficia

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

In questo articolo si espongono tre modelli normativi delle pratiche di disobbedienza civile, rispettivamente i modelli proposti da Thoreau, Gandhi e Rawls. Nel saggio si mostra come i tre modelli non riescono a contemperare due desiderata della giustificazione di una pratica di disobbedienza civile: l'essere sia una manifestazione di serietà di un impegno, che per tanto intende essere un modello per gli altri cittadini, sia una strategia efficace per la eliminazione, o la riduzione del danno derivante da, norme ingiuste.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)119-137
RivistaRagion Pratica
Volume24
Stato di pubblicazionePublished - 2005

Cita questo