La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate"

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Con l’esplosione del fenomeno Slow Food, assieme a quello della valorizzazione del “tipico” tramite l’attribuzione dei marchi DOP, DOC e IGP, numerosissime cose da mangiare (ma anche da bere) sono state protagoniste dell’attribuzione di “marchi di qualità”, che, in molti casi, più che o oltre che al perseguimento di una filosofia del mangiar sano, tendono alla valorizzazione turistico-culturale dei luoghi. E così, oggi più che mai, le comunità locali, accanto ai monumenti, alle emergenze archeologiche, ai beni culturali latamente intesi, offrono spesso al visitatore anche il prodotto gastronomico tipico che, in quanto tale, è sempre posto a declinare l’“identità” territoriale . In questo contributo si tenterà di evidenziare se e quando alcuni prodotti alimentari siciliani che oggi godono di una qualche forma di certificazione di tipicità possano dirsi «tipici» anche in ragione di quanto dichiarato dagli informatori della campagna alimentare dell’Atlante Linguistico della Sicilia. La comparazione tra ciò che è dichiarato tipico per effetto dell’acquisizione di certificazioni e ciò che è considerato tipico dagli informatori dell'Atlanete Linguistico della Sicilia in quanto espressione della cultura tradizionale, riguarderà, dunque, soltanto le parole e le cose alimentari per le quali i due aspetti appaiono incrociabili per effetto della presenza di informazioni specifiche nei dati delle inchieste ALS. Nel contributo vengono dapprima presi in esame, in una sorta di rassegna, i prodotti siciliani che rientrano tra i Presìdi Slow Food, molti dei quali recano, per altro, anche il marchio DOP o IGP . Verrà quindi considerato se e in che misura la marca di specificità e località di questi prodotti, sancita anche dalla descrizione delle pratiche e delle tecniche tradizionali implicate nella sua realizzazione, sia ulteriormente rafforzata dall’uso di forme e termini (etno)dialettali. Si tenterà poi di verificare in quali casi la tipicità (certificata) di questi prodotti emerge anche nei racconti degli informatori dell'Atlante. Infine, in una prospettiva microareale, si passerà all’analisi di una recente iniziativa che interessa una rilevante porzione del territorio siciliano – le Madonie – dove l’azione istituzionale di tutela dell’identità territoriale sul piano gastronomico – dovuta anche alla presenza di una parco regionale – ha prodotto un’ampia serie di “idee”, alcune delle quali presentano un alto grado di originalità e un certo interesse sul piano del loro rapporto, anche etnodialettale, con il territorio.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia
Pagine331-346
Numero di pagine16
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Serie di pubblicazioni

NomeMateriali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia

Cita questo

Sottile, R. (2011). La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate". In Tradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia (pagg. 331-346). (Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia).

La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate". / Sottile, Roberto.

Tradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia. 2011. pag. 331-346 (Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia).

Risultato della ricerca: Chapter

Sottile, R 2011, La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate". in Tradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia. Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia, pagg. 331-346.
Sottile R. La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate". In Tradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia. 2011. pag. 331-346. (Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia).
Sottile, Roberto. / La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate". Tradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia. 2011. pagg. 331-346 (Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia).
@inbook{ae39f5786bd74c3b9cae92479da91080,
title = "La cultura alimentare tra tipicit{\`a} {"}certificate{"} e tipicit{\`a} {"}raccontate{"}",
abstract = "Con l’esplosione del fenomeno Slow Food, assieme a quello della valorizzazione del “tipico” tramite l’attribuzione dei marchi DOP, DOC e IGP, numerosissime cose da mangiare (ma anche da bere) sono state protagoniste dell’attribuzione di “marchi di qualit{\`a}”, che, in molti casi, pi{\`u} che o oltre che al perseguimento di una filosofia del mangiar sano, tendono alla valorizzazione turistico-culturale dei luoghi. E cos{\`i}, oggi pi{\`u} che mai, le comunit{\`a} locali, accanto ai monumenti, alle emergenze archeologiche, ai beni culturali latamente intesi, offrono spesso al visitatore anche il prodotto gastronomico tipico che, in quanto tale, {\`e} sempre posto a declinare l’“identit{\`a}” territoriale . In questo contributo si tenter{\`a} di evidenziare se e quando alcuni prodotti alimentari siciliani che oggi godono di una qualche forma di certificazione di tipicit{\`a} possano dirsi «tipici» anche in ragione di quanto dichiarato dagli informatori della campagna alimentare dell’Atlante Linguistico della Sicilia. La comparazione tra ci{\`o} che {\`e} dichiarato tipico per effetto dell’acquisizione di certificazioni e ci{\`o} che {\`e} considerato tipico dagli informatori dell'Atlanete Linguistico della Sicilia in quanto espressione della cultura tradizionale, riguarder{\`a}, dunque, soltanto le parole e le cose alimentari per le quali i due aspetti appaiono incrociabili per effetto della presenza di informazioni specifiche nei dati delle inchieste ALS. Nel contributo vengono dapprima presi in esame, in una sorta di rassegna, i prodotti siciliani che rientrano tra i Pres{\`i}di Slow Food, molti dei quali recano, per altro, anche il marchio DOP o IGP . Verr{\`a} quindi considerato se e in che misura la marca di specificit{\`a} e localit{\`a} di questi prodotti, sancita anche dalla descrizione delle pratiche e delle tecniche tradizionali implicate nella sua realizzazione, sia ulteriormente rafforzata dall’uso di forme e termini (etno)dialettali. Si tenter{\`a} poi di verificare in quali casi la tipicit{\`a} (certificata) di questi prodotti emerge anche nei racconti degli informatori dell'Atlante. Infine, in una prospettiva microareale, si passer{\`a} all’analisi di una recente iniziativa che interessa una rilevante porzione del territorio siciliano – le Madonie – dove l’azione istituzionale di tutela dell’identit{\`a} territoriale sul piano gastronomico – dovuta anche alla presenza di una parco regionale – ha prodotto un’ampia serie di “idee”, alcune delle quali presentano un alto grado di originalit{\`a} e un certo interesse sul piano del loro rapporto, anche etnodialettale, con il territorio.",
keywords = "Alimentazione, Sicilia, terminologia",
author = "Roberto Sottile",
year = "2011",
language = "Italian",
isbn = "978-88-96312-14-8",
series = "Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia",
pages = "331--346",
booktitle = "Tradizione, identit{\`a}, tipicit{\`a} nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia",

}

TY - CHAP

T1 - La cultura alimentare tra tipicità "certificate" e tipicità "raccontate"

AU - Sottile, Roberto

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Con l’esplosione del fenomeno Slow Food, assieme a quello della valorizzazione del “tipico” tramite l’attribuzione dei marchi DOP, DOC e IGP, numerosissime cose da mangiare (ma anche da bere) sono state protagoniste dell’attribuzione di “marchi di qualità”, che, in molti casi, più che o oltre che al perseguimento di una filosofia del mangiar sano, tendono alla valorizzazione turistico-culturale dei luoghi. E così, oggi più che mai, le comunità locali, accanto ai monumenti, alle emergenze archeologiche, ai beni culturali latamente intesi, offrono spesso al visitatore anche il prodotto gastronomico tipico che, in quanto tale, è sempre posto a declinare l’“identità” territoriale . In questo contributo si tenterà di evidenziare se e quando alcuni prodotti alimentari siciliani che oggi godono di una qualche forma di certificazione di tipicità possano dirsi «tipici» anche in ragione di quanto dichiarato dagli informatori della campagna alimentare dell’Atlante Linguistico della Sicilia. La comparazione tra ciò che è dichiarato tipico per effetto dell’acquisizione di certificazioni e ciò che è considerato tipico dagli informatori dell'Atlanete Linguistico della Sicilia in quanto espressione della cultura tradizionale, riguarderà, dunque, soltanto le parole e le cose alimentari per le quali i due aspetti appaiono incrociabili per effetto della presenza di informazioni specifiche nei dati delle inchieste ALS. Nel contributo vengono dapprima presi in esame, in una sorta di rassegna, i prodotti siciliani che rientrano tra i Presìdi Slow Food, molti dei quali recano, per altro, anche il marchio DOP o IGP . Verrà quindi considerato se e in che misura la marca di specificità e località di questi prodotti, sancita anche dalla descrizione delle pratiche e delle tecniche tradizionali implicate nella sua realizzazione, sia ulteriormente rafforzata dall’uso di forme e termini (etno)dialettali. Si tenterà poi di verificare in quali casi la tipicità (certificata) di questi prodotti emerge anche nei racconti degli informatori dell'Atlante. Infine, in una prospettiva microareale, si passerà all’analisi di una recente iniziativa che interessa una rilevante porzione del territorio siciliano – le Madonie – dove l’azione istituzionale di tutela dell’identità territoriale sul piano gastronomico – dovuta anche alla presenza di una parco regionale – ha prodotto un’ampia serie di “idee”, alcune delle quali presentano un alto grado di originalità e un certo interesse sul piano del loro rapporto, anche etnodialettale, con il territorio.

AB - Con l’esplosione del fenomeno Slow Food, assieme a quello della valorizzazione del “tipico” tramite l’attribuzione dei marchi DOP, DOC e IGP, numerosissime cose da mangiare (ma anche da bere) sono state protagoniste dell’attribuzione di “marchi di qualità”, che, in molti casi, più che o oltre che al perseguimento di una filosofia del mangiar sano, tendono alla valorizzazione turistico-culturale dei luoghi. E così, oggi più che mai, le comunità locali, accanto ai monumenti, alle emergenze archeologiche, ai beni culturali latamente intesi, offrono spesso al visitatore anche il prodotto gastronomico tipico che, in quanto tale, è sempre posto a declinare l’“identità” territoriale . In questo contributo si tenterà di evidenziare se e quando alcuni prodotti alimentari siciliani che oggi godono di una qualche forma di certificazione di tipicità possano dirsi «tipici» anche in ragione di quanto dichiarato dagli informatori della campagna alimentare dell’Atlante Linguistico della Sicilia. La comparazione tra ciò che è dichiarato tipico per effetto dell’acquisizione di certificazioni e ciò che è considerato tipico dagli informatori dell'Atlanete Linguistico della Sicilia in quanto espressione della cultura tradizionale, riguarderà, dunque, soltanto le parole e le cose alimentari per le quali i due aspetti appaiono incrociabili per effetto della presenza di informazioni specifiche nei dati delle inchieste ALS. Nel contributo vengono dapprima presi in esame, in una sorta di rassegna, i prodotti siciliani che rientrano tra i Presìdi Slow Food, molti dei quali recano, per altro, anche il marchio DOP o IGP . Verrà quindi considerato se e in che misura la marca di specificità e località di questi prodotti, sancita anche dalla descrizione delle pratiche e delle tecniche tradizionali implicate nella sua realizzazione, sia ulteriormente rafforzata dall’uso di forme e termini (etno)dialettali. Si tenterà poi di verificare in quali casi la tipicità (certificata) di questi prodotti emerge anche nei racconti degli informatori dell'Atlante. Infine, in una prospettiva microareale, si passerà all’analisi di una recente iniziativa che interessa una rilevante porzione del territorio siciliano – le Madonie – dove l’azione istituzionale di tutela dell’identità territoriale sul piano gastronomico – dovuta anche alla presenza di una parco regionale – ha prodotto un’ampia serie di “idee”, alcune delle quali presentano un alto grado di originalità e un certo interesse sul piano del loro rapporto, anche etnodialettale, con il territorio.

KW - Alimentazione

KW - Sicilia

KW - terminologia

UR - http://hdl.handle.net/10447/57403

M3 - Chapter

SN - 978-88-96312-14-8

T3 - Materiali e Ricerche dell'Atlante Linguistico della Sicilia

SP - 331

EP - 346

BT - Tradizione, identità, tipicità nella cultura alimentare siciliana. Lo sguardo dell'Atlante Linguistico della Sicilia

ER -