La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale

Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Pensare al marketing territoriale in un contesto complesso come il sistema Italia impone di risemantizzare il termine soprattutto in funzione del patri- monio culturale. A fronte della ricchezza del patrimonio culturale italiano, che si distingue sia per la qualità e l’elevata concentrazione su tutto il territorio nazionale (l’Italia è la nazione dove è localizzato il maggior numero di siti inclusi nella lista mondiale del patrimonio dell’umanità riconosciuta dall’UNESCO), sia per la diversificazione dei beni che si estende dalle aree archeologiche ai monumenti architettonici, dai beni di interesse storico-artistico e paesaggi- stico al patrimonio immateriale, risalta con particolare evidenza l’importanza dell’acquisizione di una maggiore consapevolezza rispetto alla reale valenza strategica delle specificità, dei valori e delle potenzialità del sistema dei beni culturali come fattore di sviluppo socio-economico e culturale. All’interno delle strategie del marketing territoriale – quale meccanismo per la definizione e l’attuazione di vision attraverso attività di programma- zione e di pianificazione dirette allo sviluppo locale – la comunicazione dei beni culturali assume un ruolo di moltiplicatore del valore, ponendosi come dispositivo capace di soddisfare una crescente domanda di mercato derivante dalle nuove richieste di servizi per l’innalzamento della qualità della vita, un migliore impiego del tempo libero e la crescita della consapevolezza delle molteplici identità culturali del Paese.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLuoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene
Pagine147-153
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Serie di pubblicazioni

NomeURBANISTICA

Cita questo

Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B (2018). La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale. In Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene (pagg. 147-153). (URBANISTICA).

La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale. / Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B.

Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene. 2018. pag. 147-153 (URBANISTICA).

Risultato della ricerca: Chapter

Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B 2018, La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale. in Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene. URBANISTICA, pagg. 147-153.
Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B. La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale. In Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene. 2018. pag. 147-153. (URBANISTICA).
Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B. / La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale. Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene. 2018. pagg. 147-153 (URBANISTICA).
@inbook{496ee690e2964704815bc903a67b56ce,
title = "La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale",
abstract = "Pensare al marketing territoriale in un contesto complesso come il sistema Italia impone di risemantizzare il termine soprattutto in funzione del patri- monio culturale. A fronte della ricchezza del patrimonio culturale italiano, che si distingue sia per la qualit{\`a} e l’elevata concentrazione su tutto il territorio nazionale (l’Italia {\`e} la nazione dove {\`e} localizzato il maggior numero di siti inclusi nella lista mondiale del patrimonio dell’umanit{\`a} riconosciuta dall’UNESCO), sia per la diversificazione dei beni che si estende dalle aree archeologiche ai monumenti architettonici, dai beni di interesse storico-artistico e paesaggi- stico al patrimonio immateriale, risalta con particolare evidenza l’importanza dell’acquisizione di una maggiore consapevolezza rispetto alla reale valenza strategica delle specificit{\`a}, dei valori e delle potenzialit{\`a} del sistema dei beni culturali come fattore di sviluppo socio-economico e culturale. All’interno delle strategie del marketing territoriale – quale meccanismo per la definizione e l’attuazione di vision attraverso attivit{\`a} di programma- zione e di pianificazione dirette allo sviluppo locale – la comunicazione dei beni culturali assume un ruolo di moltiplicatore del valore, ponendosi come dispositivo capace di soddisfare una crescente domanda di mercato derivante dalle nuove richieste di servizi per l’innalzamento della qualit{\`a} della vita, un migliore impiego del tempo libero e la crescita della consapevolezza delle molteplici identit{\`a} culturali del Paese.",
author = "{Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B} and Angela Badami",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "9788891779465",
series = "URBANISTICA",
pages = "147--153",
booktitle = "Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene",

}

TY - CHAP

T1 - La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale

AU - Carta, M; Ronsivalle, D; Contato, A; Lino, B

AU - Badami, Angela

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Pensare al marketing territoriale in un contesto complesso come il sistema Italia impone di risemantizzare il termine soprattutto in funzione del patri- monio culturale. A fronte della ricchezza del patrimonio culturale italiano, che si distingue sia per la qualità e l’elevata concentrazione su tutto il territorio nazionale (l’Italia è la nazione dove è localizzato il maggior numero di siti inclusi nella lista mondiale del patrimonio dell’umanità riconosciuta dall’UNESCO), sia per la diversificazione dei beni che si estende dalle aree archeologiche ai monumenti architettonici, dai beni di interesse storico-artistico e paesaggi- stico al patrimonio immateriale, risalta con particolare evidenza l’importanza dell’acquisizione di una maggiore consapevolezza rispetto alla reale valenza strategica delle specificità, dei valori e delle potenzialità del sistema dei beni culturali come fattore di sviluppo socio-economico e culturale. All’interno delle strategie del marketing territoriale – quale meccanismo per la definizione e l’attuazione di vision attraverso attività di programma- zione e di pianificazione dirette allo sviluppo locale – la comunicazione dei beni culturali assume un ruolo di moltiplicatore del valore, ponendosi come dispositivo capace di soddisfare una crescente domanda di mercato derivante dalle nuove richieste di servizi per l’innalzamento della qualità della vita, un migliore impiego del tempo libero e la crescita della consapevolezza delle molteplici identità culturali del Paese.

AB - Pensare al marketing territoriale in un contesto complesso come il sistema Italia impone di risemantizzare il termine soprattutto in funzione del patri- monio culturale. A fronte della ricchezza del patrimonio culturale italiano, che si distingue sia per la qualità e l’elevata concentrazione su tutto il territorio nazionale (l’Italia è la nazione dove è localizzato il maggior numero di siti inclusi nella lista mondiale del patrimonio dell’umanità riconosciuta dall’UNESCO), sia per la diversificazione dei beni che si estende dalle aree archeologiche ai monumenti architettonici, dai beni di interesse storico-artistico e paesaggi- stico al patrimonio immateriale, risalta con particolare evidenza l’importanza dell’acquisizione di una maggiore consapevolezza rispetto alla reale valenza strategica delle specificità, dei valori e delle potenzialità del sistema dei beni culturali come fattore di sviluppo socio-economico e culturale. All’interno delle strategie del marketing territoriale – quale meccanismo per la definizione e l’attuazione di vision attraverso attività di programma- zione e di pianificazione dirette allo sviluppo locale – la comunicazione dei beni culturali assume un ruolo di moltiplicatore del valore, ponendosi come dispositivo capace di soddisfare una crescente domanda di mercato derivante dalle nuove richieste di servizi per l’innalzamento della qualità della vita, un migliore impiego del tempo libero e la crescita della consapevolezza delle molteplici identità culturali del Paese.

UR - http://hdl.handle.net/10447/346861

M3 - Chapter

SN - 9788891779465

T3 - URBANISTICA

SP - 147

EP - 153

BT - Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene

ER -