La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Le nuove dinamiche produttive, gli interventi di sviluppo sostenibile e le domande di conservazione del patrimonio architettonico che oggi investono le aree di waterfront delle città rappresentano un importante spunto di riflessione in una fase in cui il tema della rigenerazione delle “città d’acqua” sta aprendosi a nuove opportunità di trasformazione urbana e territoriale, agendo in maniera attiva nello scenario della produzione della qualità urbana. La rilevanza assunta negli ultimi anni dalle trasformazioni urbane in area di waterfront storici delle città ha, infatti, aperto nuove prospettive – e le conseguenti sfide – per la ricerca sulle condizioni di rischio, sulle pressioni antropiche e sulle opportunità offerte dall’armatura storica e identitaria. Le dinamiche di trasformazione e le necessità di conservazione del patrimonio materiale e immateriale dei waterfront storici richiedono che le indagini e le sperimentazioni progettuali portati avanti in Sicilia dalla “Carta del Rischio a scala locale” puntino la loro attenzione cognitiva, interpretativa e diagnostica alle aree costiere. Dovranno mutare gli strumenti analitici e progettuali rivolti al delicato sistema urbano in cui la città di pietra e la città d’acqua si intersecano, producendo sinapsi feconde ma anche delicate criticità, in quell’area urbana d’interfaccia liquida che riversa il suo riverbero nell’intero contesto territoriale producendo opportunità di sviluppo e connettendo il waterfront al sistema produttivo territoriale.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo
Pagine142-149
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo

Carta, M. (2014). La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana. In AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo (pagg. 142-149)

La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana. / Carta, Maurizio.

AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo. 2014. pag. 142-149.

Risultato della ricerca: Chapter

Carta, M 2014, La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana. in AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo. pagg. 142-149.
Carta M. La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana. In AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo. 2014. pag. 142-149
Carta, Maurizio. / La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana. AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo. 2014. pagg. 142-149
@inbook{caa5672d58bf4d96a34b21f53e8f90f4,
title = "La citt{\`a} liquida. Il waterfront come generatore di creativit{\`a} urbana",
abstract = "Le nuove dinamiche produttive, gli interventi di sviluppo sostenibile e le domande di conservazione del patrimonio architettonico che oggi investono le aree di waterfront delle citt{\`a} rappresentano un importante spunto di riflessione in una fase in cui il tema della rigenerazione delle “citt{\`a} d’acqua” sta aprendosi a nuove opportunit{\`a} di trasformazione urbana e territoriale, agendo in maniera attiva nello scenario della produzione della qualit{\`a} urbana. La rilevanza assunta negli ultimi anni dalle trasformazioni urbane in area di waterfront storici delle citt{\`a} ha, infatti, aperto nuove prospettive – e le conseguenti sfide – per la ricerca sulle condizioni di rischio, sulle pressioni antropiche e sulle opportunit{\`a} offerte dall’armatura storica e identitaria. Le dinamiche di trasformazione e le necessit{\`a} di conservazione del patrimonio materiale e immateriale dei waterfront storici richiedono che le indagini e le sperimentazioni progettuali portati avanti in Sicilia dalla “Carta del Rischio a scala locale” puntino la loro attenzione cognitiva, interpretativa e diagnostica alle aree costiere. Dovranno mutare gli strumenti analitici e progettuali rivolti al delicato sistema urbano in cui la citt{\`a} di pietra e la citt{\`a} d’acqua si intersecano, producendo sinapsi feconde ma anche delicate criticit{\`a}, in quell’area urbana d’interfaccia liquida che riversa il suo riverbero nell’intero contesto territoriale producendo opportunit{\`a} di sviluppo e connettendo il waterfront al sistema produttivo territoriale.",
author = "Maurizio Carta",
year = "2014",
language = "Italian",
isbn = "9788895623979",
pages = "142--149",
booktitle = "AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo",

}

TY - CHAP

T1 - La città liquida. Il waterfront come generatore di creatività urbana

AU - Carta, Maurizio

PY - 2014

Y1 - 2014

N2 - Le nuove dinamiche produttive, gli interventi di sviluppo sostenibile e le domande di conservazione del patrimonio architettonico che oggi investono le aree di waterfront delle città rappresentano un importante spunto di riflessione in una fase in cui il tema della rigenerazione delle “città d’acqua” sta aprendosi a nuove opportunità di trasformazione urbana e territoriale, agendo in maniera attiva nello scenario della produzione della qualità urbana. La rilevanza assunta negli ultimi anni dalle trasformazioni urbane in area di waterfront storici delle città ha, infatti, aperto nuove prospettive – e le conseguenti sfide – per la ricerca sulle condizioni di rischio, sulle pressioni antropiche e sulle opportunità offerte dall’armatura storica e identitaria. Le dinamiche di trasformazione e le necessità di conservazione del patrimonio materiale e immateriale dei waterfront storici richiedono che le indagini e le sperimentazioni progettuali portati avanti in Sicilia dalla “Carta del Rischio a scala locale” puntino la loro attenzione cognitiva, interpretativa e diagnostica alle aree costiere. Dovranno mutare gli strumenti analitici e progettuali rivolti al delicato sistema urbano in cui la città di pietra e la città d’acqua si intersecano, producendo sinapsi feconde ma anche delicate criticità, in quell’area urbana d’interfaccia liquida che riversa il suo riverbero nell’intero contesto territoriale producendo opportunità di sviluppo e connettendo il waterfront al sistema produttivo territoriale.

AB - Le nuove dinamiche produttive, gli interventi di sviluppo sostenibile e le domande di conservazione del patrimonio architettonico che oggi investono le aree di waterfront delle città rappresentano un importante spunto di riflessione in una fase in cui il tema della rigenerazione delle “città d’acqua” sta aprendosi a nuove opportunità di trasformazione urbana e territoriale, agendo in maniera attiva nello scenario della produzione della qualità urbana. La rilevanza assunta negli ultimi anni dalle trasformazioni urbane in area di waterfront storici delle città ha, infatti, aperto nuove prospettive – e le conseguenti sfide – per la ricerca sulle condizioni di rischio, sulle pressioni antropiche e sulle opportunità offerte dall’armatura storica e identitaria. Le dinamiche di trasformazione e le necessità di conservazione del patrimonio materiale e immateriale dei waterfront storici richiedono che le indagini e le sperimentazioni progettuali portati avanti in Sicilia dalla “Carta del Rischio a scala locale” puntino la loro attenzione cognitiva, interpretativa e diagnostica alle aree costiere. Dovranno mutare gli strumenti analitici e progettuali rivolti al delicato sistema urbano in cui la città di pietra e la città d’acqua si intersecano, producendo sinapsi feconde ma anche delicate criticità, in quell’area urbana d’interfaccia liquida che riversa il suo riverbero nell’intero contesto territoriale producendo opportunità di sviluppo e connettendo il waterfront al sistema produttivo territoriale.

UR - http://hdl.handle.net/10447/99148

M3 - Chapter

SN - 9788895623979

SP - 142

EP - 149

BT - AUM.01 Atlante Urbano Mediterraneo

ER -