La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libertà le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca
Pagine56-114
Numero di pagine59
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Serie di pubblicazioni

NomeStudi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche

Cita questo

D'Avenia, F. (2012). La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. In La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca (pagg. 56-114). (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).

La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. / D'Avenia, Fabrizio.

La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. 2012. pag. 56-114 (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).

Risultato della ricerca: Chapter

D'Avenia, F 2012, La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. in La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche, pagg. 56-114.
D'Avenia F. La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. In La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. 2012. pag. 56-114. (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).
D'Avenia, Fabrizio. / La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. 2012. pagg. 56-114 (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).
@inbook{783616bb59564ee5b37101300a141fb1,
title = "La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo",
abstract = "Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libert{\`a} le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.",
author = "Fabrizio D'Avenia",
year = "2012",
language = "Italian",
isbn = "978-88-96661-18-5",
series = "Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche",
pages = "56--114",
booktitle = "La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca",

}

TY - CHAP

T1 - La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo

AU - D'Avenia, Fabrizio

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libertà le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.

AB - Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libertà le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.

UR - http://hdl.handle.net/10447/72606

UR - http://www.mediterranearicerchestoriche.it

M3 - Chapter

SN - 978-88-96661-18-5

T3 - Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche

SP - 56

EP - 114

BT - La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca

ER -