LA BALLATA DEL VECCHIO MARINAIO/THE RIME OF THE ANCIENT MARINER

Giuseppe Leone

Risultato della ricerca: Other report

Abstract

«Siamo dinnanzi ad un capolavoro assoluto, ma di quelli che segnano davvero (per servirci del linguaggio dei velisti) un turning point della poesia moderna: là dove realtà e simbolo stupendamente coincidono, dove il verisimile è trasfigurato senza per questo cessare d'essere assolutamente credibile. Ma siamo anche dinnanzi ad uno dei vertici esemplari della tutta contemporanea disperazione, del tutto nostro fraterno dolore. La Ballata è davvero il Libro di Giobbe dell'era moderna: e il Vecchio Marinaio è realmente Job, "colui che è oppresso", il pastore seminomade della terra di Uz alle prese con (Dio) Shaddai, impietosamente trafitto dalla perenne domanda senza risposta: "Forse che Giobbe teme (Dio) Shaddai per nulla?"» (dalla Premessa di Guido Davico Bonino).
Lingua originaleItalian
EditoreCLINAMEN
Numero di pagine108
ISBN (stampa)9788884101655
Stato di pubblicazionePublished - 2010
Pubblicato esternamenteYes

Serie di pubblicazioni

NomeLa biblioteca d'Astolfo

Cita questo