L’écueil du goût : la laideur des Africains chez les métaphysiciens du Beau.

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

L'estetica del brutto si delinea chiaramente in Crousaz e André attraverso il razzismo. Il saggio pone in evidenza gli argomenti adottati dai due trattatisti e dimostra come tali pregiudizi si scontrino col principio di relatività del gusto.
Lingua originaleFrench
pagine (da-a)157-166
Numero di pagine10
RivistaStudies on Voltaire and the Eighteenth Century
Volume5
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo