L’ampliamento di Montecitorio

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il lungo arco temporale dell’attività progettuale di Ernesto Basile compreso fra il 1902, anno in cui gli viene affidato l’incarico per l’ampliamento e la riforma del complesso di Montecitorio per il definitivo adeguamento alla destinazione di Palazzo della Camera dei Deputati del Parlamento Italiano, e il 1918, anno della solenne cerimonia inaugurale dell’Aula dei Deputati (avvenuta alla presenza del re Vittorio Emanuele III il 20 novembre), è caratterizzato dall’intensificarsi degli impegni professionali dell’architetto palermitano nella capitale, pur non configurandosi come un suo secondo “periodo romano”. Già impegnato nella realizzazione della palazzina Vanoni in via Abbruzzi, angolo via Sardegna (seguita nelle fasi esecutive, su suoi disegni del 1901, dall’ingegnere Carlo Pincherle), Basile a partire dal 1902 progetta per Roma la prima e la seconda versione del palazzo del marchese di Rudinì in via Quintino Sella (rispettivamente nel 1902-03 e nel 1904-05), il palazzo dell’Aula dei Deputati a Montecitorio (in tre stesure principali nel 1902-03, nel 1904-05 e nel 1908 e anni successivi), gli arredi di casa Ravà (nel 1903), il Grand Cafè Faraglia in piazza Venezia (nel 1906), la cappella gentilizia Starrabba di Rudinì al cimitero del Verano (nel 1908), gli arredi della sede di vendita in via del Tritone del mobilificio Ducrot (nel 1908-09), il Padiglione Siciliano all’Esposizione di Roma del 1911 (nel 1909), la casa-studio del pittore Giulio Aristide Sartorio sul Lungotevere (nel 1910) e gli arredi per la Regia Zecca (nel 1915). Ben più prolungata risulta la presenza di Basile nell’ambiente architettonico romano se, a questo nucleo di opere, coerente relativamente alla sua fase di revisione critica del modernismo (a meno della “vacanza stilistica” del neo siculo-normanno Padiglione Siciliano del 1911, vincolato al tema regionalista della sezione italiana dell’Eposizione di Roma), vengono aggiunti i progetti del decennio successivo alla fine della prima guerra mondiale. È quest’ultima una produzione progettuale che, come esemplificato dall’algido carattere monumentale della proposta di sistemazione dell’ingresso della Villa Umberto del 1926, svela in tutta la sua problematicità un atteggiamento dubbioso, più che compromissorio, verosimilmente ascrivibile alla consapevole (e probabilmente anche distaccata) constatazione della subentrata inattuabilità del proposito, comune negli anni Venti a non pochi veterani del modernismo (fra i quali Victor Horta, Ector Guimard, ma anche Max Fabiani e Josef Hoffmann), di ribadire fuori tempo la validità della cultura architettonica d’appartenenza; una cultura che aveva ritenuto possibile, a cavallo fra Ottocento e Novecento, eleggersi a interprete della sua epoca (sulla scorta della positiva convinzione che questa avesse tutti gli attributi di una rinnovata età della civiltà occidentale) riformandone al sentimento estetico codici figurali e sistemi compositivi, in vista del raggiungimento di un nuovo e appropriato ordinamento stilistico. . Fra i più tardi incarichi romani di Basile, oltre alle impegnative e reiterate fasi di ultimazione del colossale cantiere di Montecitorio e alle relative integrazioni suppletive in corso d’opera (soprattutto per quanto riguarda sistemazioni di interni e arredi per studi e “quartini” delle alte cariche istituzionali, per gli uffici e per le sale di riunione delle varie commissioni), non pochi sono i progetti correlati alla committenza camerale, come nel caso dell’ipotizzato Corpo di Guardia dei Vigili della Camera dei Deputati in via Campo Marzio del 1919 e del successivo fabbricato, realizzato nella stessa strada, della Stamperia della Camera dei Deputati o, ancora, della proposta di Sistemazione della Piazza del Parlamento sulla via della Missione (con l
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteArchitettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911
Pagine139-148
Numero di pagine10
Volume2011-04
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo

Sessa, E. (2011). L’ampliamento di Montecitorio. In Architettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911 (Vol. 2011-04, pagg. 139-148)

L’ampliamento di Montecitorio. / Sessa, Ettore.

Architettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911. Vol. 2011-04 2011. pag. 139-148.

Risultato della ricerca: Chapter

Sessa, E 2011, L’ampliamento di Montecitorio. in Architettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911. vol. 2011-04, pagg. 139-148.
Sessa E. L’ampliamento di Montecitorio. In Architettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911. Vol. 2011-04. 2011. pag. 139-148
Sessa, Ettore. / L’ampliamento di Montecitorio. Architettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911. Vol. 2011-04 2011. pagg. 139-148
@inbook{6517870eb6284e48862070f5070675f4,
title = "L’ampliamento di Montecitorio",
abstract = "Il lungo arco temporale dell’attivit{\`a} progettuale di Ernesto Basile compreso fra il 1902, anno in cui gli viene affidato l’incarico per l’ampliamento e la riforma del complesso di Montecitorio per il definitivo adeguamento alla destinazione di Palazzo della Camera dei Deputati del Parlamento Italiano, e il 1918, anno della solenne cerimonia inaugurale dell’Aula dei Deputati (avvenuta alla presenza del re Vittorio Emanuele III il 20 novembre), {\`e} caratterizzato dall’intensificarsi degli impegni professionali dell’architetto palermitano nella capitale, pur non configurandosi come un suo secondo “periodo romano”. Gi{\`a} impegnato nella realizzazione della palazzina Vanoni in via Abbruzzi, angolo via Sardegna (seguita nelle fasi esecutive, su suoi disegni del 1901, dall’ingegnere Carlo Pincherle), Basile a partire dal 1902 progetta per Roma la prima e la seconda versione del palazzo del marchese di Rudin{\`i} in via Quintino Sella (rispettivamente nel 1902-03 e nel 1904-05), il palazzo dell’Aula dei Deputati a Montecitorio (in tre stesure principali nel 1902-03, nel 1904-05 e nel 1908 e anni successivi), gli arredi di casa Rav{\`a} (nel 1903), il Grand Caf{\`e} Faraglia in piazza Venezia (nel 1906), la cappella gentilizia Starrabba di Rudin{\`i} al cimitero del Verano (nel 1908), gli arredi della sede di vendita in via del Tritone del mobilificio Ducrot (nel 1908-09), il Padiglione Siciliano all’Esposizione di Roma del 1911 (nel 1909), la casa-studio del pittore Giulio Aristide Sartorio sul Lungotevere (nel 1910) e gli arredi per la Regia Zecca (nel 1915). Ben pi{\`u} prolungata risulta la presenza di Basile nell’ambiente architettonico romano se, a questo nucleo di opere, coerente relativamente alla sua fase di revisione critica del modernismo (a meno della “vacanza stilistica” del neo siculo-normanno Padiglione Siciliano del 1911, vincolato al tema regionalista della sezione italiana dell’Eposizione di Roma), vengono aggiunti i progetti del decennio successivo alla fine della prima guerra mondiale. {\`E} quest’ultima una produzione progettuale che, come esemplificato dall’algido carattere monumentale della proposta di sistemazione dell’ingresso della Villa Umberto del 1926, svela in tutta la sua problematicit{\`a} un atteggiamento dubbioso, pi{\`u} che compromissorio, verosimilmente ascrivibile alla consapevole (e probabilmente anche distaccata) constatazione della subentrata inattuabilit{\`a} del proposito, comune negli anni Venti a non pochi veterani del modernismo (fra i quali Victor Horta, Ector Guimard, ma anche Max Fabiani e Josef Hoffmann), di ribadire fuori tempo la validit{\`a} della cultura architettonica d’appartenenza; una cultura che aveva ritenuto possibile, a cavallo fra Ottocento e Novecento, eleggersi a interprete della sua epoca (sulla scorta della positiva convinzione che questa avesse tutti gli attributi di una rinnovata et{\`a} della civilt{\`a} occidentale) riformandone al sentimento estetico codici figurali e sistemi compositivi, in vista del raggiungimento di un nuovo e appropriato ordinamento stilistico. . Fra i pi{\`u} tardi incarichi romani di Basile, oltre alle impegnative e reiterate fasi di ultimazione del colossale cantiere di Montecitorio e alle relative integrazioni suppletive in corso d’opera (soprattutto per quanto riguarda sistemazioni di interni e arredi per studi e “quartini” delle alte cariche istituzionali, per gli uffici e per le sale di riunione delle varie commissioni), non pochi sono i progetti correlati alla committenza camerale, come nel caso dell’ipotizzato Corpo di Guardia dei Vigili della Camera dei Deputati in via Campo Marzio del 1919 e del successivo fabbricato, realizzato nella stessa strada, della Stamperia della Camera dei Deputati o, ancora, della proposta di Sistemazione della Piazza del Parlamento sulla via della Missione (con l",
author = "Ettore Sessa",
year = "2011",
language = "Italian",
isbn = "9788897083214",
volume = "2011-04",
pages = "139--148",
booktitle = "Architettare l’Unit{\`a}. Architettura e istituzioni nelle citt{\`a} della nuova Italia 1861-1911",

}

TY - CHAP

T1 - L’ampliamento di Montecitorio

AU - Sessa, Ettore

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Il lungo arco temporale dell’attività progettuale di Ernesto Basile compreso fra il 1902, anno in cui gli viene affidato l’incarico per l’ampliamento e la riforma del complesso di Montecitorio per il definitivo adeguamento alla destinazione di Palazzo della Camera dei Deputati del Parlamento Italiano, e il 1918, anno della solenne cerimonia inaugurale dell’Aula dei Deputati (avvenuta alla presenza del re Vittorio Emanuele III il 20 novembre), è caratterizzato dall’intensificarsi degli impegni professionali dell’architetto palermitano nella capitale, pur non configurandosi come un suo secondo “periodo romano”. Già impegnato nella realizzazione della palazzina Vanoni in via Abbruzzi, angolo via Sardegna (seguita nelle fasi esecutive, su suoi disegni del 1901, dall’ingegnere Carlo Pincherle), Basile a partire dal 1902 progetta per Roma la prima e la seconda versione del palazzo del marchese di Rudinì in via Quintino Sella (rispettivamente nel 1902-03 e nel 1904-05), il palazzo dell’Aula dei Deputati a Montecitorio (in tre stesure principali nel 1902-03, nel 1904-05 e nel 1908 e anni successivi), gli arredi di casa Ravà (nel 1903), il Grand Cafè Faraglia in piazza Venezia (nel 1906), la cappella gentilizia Starrabba di Rudinì al cimitero del Verano (nel 1908), gli arredi della sede di vendita in via del Tritone del mobilificio Ducrot (nel 1908-09), il Padiglione Siciliano all’Esposizione di Roma del 1911 (nel 1909), la casa-studio del pittore Giulio Aristide Sartorio sul Lungotevere (nel 1910) e gli arredi per la Regia Zecca (nel 1915). Ben più prolungata risulta la presenza di Basile nell’ambiente architettonico romano se, a questo nucleo di opere, coerente relativamente alla sua fase di revisione critica del modernismo (a meno della “vacanza stilistica” del neo siculo-normanno Padiglione Siciliano del 1911, vincolato al tema regionalista della sezione italiana dell’Eposizione di Roma), vengono aggiunti i progetti del decennio successivo alla fine della prima guerra mondiale. È quest’ultima una produzione progettuale che, come esemplificato dall’algido carattere monumentale della proposta di sistemazione dell’ingresso della Villa Umberto del 1926, svela in tutta la sua problematicità un atteggiamento dubbioso, più che compromissorio, verosimilmente ascrivibile alla consapevole (e probabilmente anche distaccata) constatazione della subentrata inattuabilità del proposito, comune negli anni Venti a non pochi veterani del modernismo (fra i quali Victor Horta, Ector Guimard, ma anche Max Fabiani e Josef Hoffmann), di ribadire fuori tempo la validità della cultura architettonica d’appartenenza; una cultura che aveva ritenuto possibile, a cavallo fra Ottocento e Novecento, eleggersi a interprete della sua epoca (sulla scorta della positiva convinzione che questa avesse tutti gli attributi di una rinnovata età della civiltà occidentale) riformandone al sentimento estetico codici figurali e sistemi compositivi, in vista del raggiungimento di un nuovo e appropriato ordinamento stilistico. . Fra i più tardi incarichi romani di Basile, oltre alle impegnative e reiterate fasi di ultimazione del colossale cantiere di Montecitorio e alle relative integrazioni suppletive in corso d’opera (soprattutto per quanto riguarda sistemazioni di interni e arredi per studi e “quartini” delle alte cariche istituzionali, per gli uffici e per le sale di riunione delle varie commissioni), non pochi sono i progetti correlati alla committenza camerale, come nel caso dell’ipotizzato Corpo di Guardia dei Vigili della Camera dei Deputati in via Campo Marzio del 1919 e del successivo fabbricato, realizzato nella stessa strada, della Stamperia della Camera dei Deputati o, ancora, della proposta di Sistemazione della Piazza del Parlamento sulla via della Missione (con l

AB - Il lungo arco temporale dell’attività progettuale di Ernesto Basile compreso fra il 1902, anno in cui gli viene affidato l’incarico per l’ampliamento e la riforma del complesso di Montecitorio per il definitivo adeguamento alla destinazione di Palazzo della Camera dei Deputati del Parlamento Italiano, e il 1918, anno della solenne cerimonia inaugurale dell’Aula dei Deputati (avvenuta alla presenza del re Vittorio Emanuele III il 20 novembre), è caratterizzato dall’intensificarsi degli impegni professionali dell’architetto palermitano nella capitale, pur non configurandosi come un suo secondo “periodo romano”. Già impegnato nella realizzazione della palazzina Vanoni in via Abbruzzi, angolo via Sardegna (seguita nelle fasi esecutive, su suoi disegni del 1901, dall’ingegnere Carlo Pincherle), Basile a partire dal 1902 progetta per Roma la prima e la seconda versione del palazzo del marchese di Rudinì in via Quintino Sella (rispettivamente nel 1902-03 e nel 1904-05), il palazzo dell’Aula dei Deputati a Montecitorio (in tre stesure principali nel 1902-03, nel 1904-05 e nel 1908 e anni successivi), gli arredi di casa Ravà (nel 1903), il Grand Cafè Faraglia in piazza Venezia (nel 1906), la cappella gentilizia Starrabba di Rudinì al cimitero del Verano (nel 1908), gli arredi della sede di vendita in via del Tritone del mobilificio Ducrot (nel 1908-09), il Padiglione Siciliano all’Esposizione di Roma del 1911 (nel 1909), la casa-studio del pittore Giulio Aristide Sartorio sul Lungotevere (nel 1910) e gli arredi per la Regia Zecca (nel 1915). Ben più prolungata risulta la presenza di Basile nell’ambiente architettonico romano se, a questo nucleo di opere, coerente relativamente alla sua fase di revisione critica del modernismo (a meno della “vacanza stilistica” del neo siculo-normanno Padiglione Siciliano del 1911, vincolato al tema regionalista della sezione italiana dell’Eposizione di Roma), vengono aggiunti i progetti del decennio successivo alla fine della prima guerra mondiale. È quest’ultima una produzione progettuale che, come esemplificato dall’algido carattere monumentale della proposta di sistemazione dell’ingresso della Villa Umberto del 1926, svela in tutta la sua problematicità un atteggiamento dubbioso, più che compromissorio, verosimilmente ascrivibile alla consapevole (e probabilmente anche distaccata) constatazione della subentrata inattuabilità del proposito, comune negli anni Venti a non pochi veterani del modernismo (fra i quali Victor Horta, Ector Guimard, ma anche Max Fabiani e Josef Hoffmann), di ribadire fuori tempo la validità della cultura architettonica d’appartenenza; una cultura che aveva ritenuto possibile, a cavallo fra Ottocento e Novecento, eleggersi a interprete della sua epoca (sulla scorta della positiva convinzione che questa avesse tutti gli attributi di una rinnovata età della civiltà occidentale) riformandone al sentimento estetico codici figurali e sistemi compositivi, in vista del raggiungimento di un nuovo e appropriato ordinamento stilistico. . Fra i più tardi incarichi romani di Basile, oltre alle impegnative e reiterate fasi di ultimazione del colossale cantiere di Montecitorio e alle relative integrazioni suppletive in corso d’opera (soprattutto per quanto riguarda sistemazioni di interni e arredi per studi e “quartini” delle alte cariche istituzionali, per gli uffici e per le sale di riunione delle varie commissioni), non pochi sono i progetti correlati alla committenza camerale, come nel caso dell’ipotizzato Corpo di Guardia dei Vigili della Camera dei Deputati in via Campo Marzio del 1919 e del successivo fabbricato, realizzato nella stessa strada, della Stamperia della Camera dei Deputati o, ancora, della proposta di Sistemazione della Piazza del Parlamento sulla via della Missione (con l

UR - http://hdl.handle.net/10447/74462

M3 - Chapter

SN - 9788897083214

VL - 2011-04

SP - 139

EP - 148

BT - Architettare l’Unità. Architettura e istituzioni nelle città della nuova Italia 1861-1911

ER -