Integrazione di celle fotovoltaiche ibride nel vetromattone

Rossella Corrao (Inventor), Luisa Pastore (Inventor), Marco Morini (Inventor)

Risultato della ricerca: Patent

Abstract

L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto può essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularità del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che può essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavità generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@misc{eec828f472a84169a5b02495e92fa317,
title = "Integrazione di celle fotovoltaiche ibride nel vetromattone",
abstract = "L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto pu{\`o} essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularit{\`a} del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che pu{\`o} essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavit{\`a} generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.",
author = "Rossella Corrao and Luisa Pastore and Marco Morini",
year = "2012",
language = "Italian",
type = "Patent",

}

TY - PAT

T1 - Integrazione di celle fotovoltaiche ibride nel vetromattone

AU - Corrao, Rossella

AU - Pastore, Luisa

AU - Morini, Marco

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto può essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularità del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che può essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavità generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.

AB - L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto può essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularità del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che può essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavità generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.

UR - http://hdl.handle.net/10447/86409

UR - http://brevetti.sicilia.it/pa2012a000002-brevetto-invenzione-palermo-sicilia/

M3 - Patent

ER -