Integrazione della variabile clima-energia negli strumenti urbanistici ordinari: spunti di riflessione dall’esperienza francese dell’urbanisme e dei projets urbains

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

Energia e cambiamento climatico rappresentano elementi della ′nuova questione urbana′. La città é caratterizzata da flussi continui di processi di trasformazione legati, indissolubilmente, al sistema delle risorse energetiche e per governare questa complessità diventa fondamentale anche il ruolo di una normativa urbanistica efficace che indirizzi verso scelte qualitative del processo di trasformazione urbana (Prestia, in corso di stampa). L’energia é uno dei fattori trainanti per la pianificazione e la riqualificazione urbana, dunque, é necessario perseguire l’integrazione della stessa negli strumenti urbanistici ordinari. É possibile? Un esempio viene dalla Francia che ha intrapreso la via di una pianificazione urbana e territoriale attenta alle performances energetiche, un discorso che non rimane solo sul piano teorico della normativa ma é declinato, operativamente, attraverso i progetti urbani (nell’accezione francese) attuati sul territorio. A partire dai suddetti spunti di riflessione, il contributo vuole illustrare (seppur senza pretesa di esaustività in questa sede) gli esiti di uno studio incentrato sul rapporto tra energia e pianificazione urbanistica ordinaria studiato attraverso l’esempio del caso studio Francia e Lione. L’obiettivo é avanzare una proposta di trasferibilità delle buone pratiche riscontrate nel contesto transalpino, in una realtà, diversa ma interessante, quale la Sicilia.
Lingua originaleItalian
Pagine933-938
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo