"Ingiustizia formale" della custodia preventiva e "causa sinergica": le Sezioni Unite contemperano il diritto all'equa riparazione con la condotta

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Le Sezioni unite, in nome della natura solidaristica della riparazione per l'ingiusta detenzione, hanno ritenuto di aderire all'indirizzo che omologa le fattispecie previste dai commi 1 e 2 dell'art. 314 c.p.p. quanto alla operatività, ai fini del riconoscimento del diritto all'equo ristoro, della condizione ostativa della condotta dolosa o gravemente colposa del soggetto passivo del provvedimento coercitivo. Resta estranea, tuttavia, una sola ipotesi: quella della obiettiva ingiustizia della custodia cautelare accertata ex ante con decisione irrevocabile.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)513-521
Numero di pagine9
RivistaCASSAZIONE PENALE
VolumeCassazione Penale 2/2011
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo