Indirizzi e strategie per la riqualificazione dei waterfront delle città siciliane

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Dal 2001 il Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro (CRPR) della Regione Siciliana ha avviato la campagna di produzione della “Carta del Rischio del patrimonio culturale, dei territori culturali e dei paesaggi siciliani”.All’interno di questo vasto progetto che riguarda i rischi naturali e le pericolosità da fatti antropici, il Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro ha focalizzato la sua attenzione sul fatto che molte delle città siciliane sono oggi oggetto di trasformazioni, in particolare in aree costiere, potenzialmente rischiose per le sensibilità storiche e culturali che si trovano sui waterfront storici.In modo particolare, centrando l’attenzione sulle aree storiche (centri storici e borgate marinare) di Catania, Messina, Palermo, Siracusa e Trapani, il CRPR ha commissionato a chi scrive, insieme ad Alessandra Badami e con il coordinamento scientifico di Maurizio Carta il lavoro di produzione di una prima importante elaborazione della Carta del Rischio Locale delle cinque città su menzionate.Obiettivo di questa fase di lavoro è stata la definizione degli indirizzi e delle strategie necessarie alla produzione di nuova qualità urbana a partire dalla presenza di notevoli risorse culturali, naturali, paesaggistiche ed identitarie che caratterizzano le aree di waterfront delle cinque città oggetto dell’incarico.Si è trattato, quindi, di re-interpretare i rischi e le azioni di trasformazione già attivate alla luce del valore attivo del patrimonio culturale, delle identità culturali e della domanda di cultura espressa dalle cinque città.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTerritori costieri
Pagine250-258
Numero di pagine9
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo