Inchiesta a Ballarò. Il diritto visto dal margine

Risultato della ricerca: Other report

Abstract

L’inchiesta sul mercato informale dell'usato che si svolge quotidianamente nel quartiere di Palermo noto come Ballarò, prende avvio dalla contingenza paradossale che una sede del dipartimento di Giurisprudenza si affacci proprio sulla piazza di questo mercato. Cosicché nuove generazioni di professionisti del diritto si formano dove il diritto sembra latitare. Tale circostanza poteva restare un inopportuno accidente, se non fosse stata trasformata in un campo di ricerca applicando la metodologia dell'educazione clinico-legale e in particolare una sua forma "capovolta" di street law. Interloquendo con i venditori, gli studenti hanno potuto estendere la loro comprensione del diritto, guardandolo dalla prospettiva dei marginali. Inoltre hanno conosciuto un’umanità che, pur stando i loro occhi, era del tutto esclusa alla loro visuale. Viene fuori una immagine più ricca e più controversa del diritto: uno dei venditori afferma: "Il diritto certo che esiste. Ma non per noi"Questo volume racconta, infine, il delicato processo di rigenerazione urbana avviato da istituzioni locali, società civile e ateneo di Palermo, con venditori e residenti, per la regolamentazione partecipata del mercato; affinché la legalità, anziché piegarsi all’interesse dei forti, possa sporgersi e farsi più prossima a chi versa in condizioni di fragilità.Nella prima parte del volume viene introdotto il fenomeno di questo mercato informale, il processo di regolamentazione partecipativa in atto e le motivazioni e gli esiti di questo indagine di sociologia del diritto sul campo ispirata alla metodologia della Street Law e all'opera di Danilo Dolci.Nella seconda parte sono presentate le testimonianze raccolte dagli studenti di Giurisprudenza che hanno partecipato all'inchiesta.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine196
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Serie di pubblicazioni

NomeOfficine

Cita questo