IMPIEGO DEL CONTENUTO IDRICO DEL SUOLO E DEL DEFLUSSO SUPERFICIALE PER LA STIMA DELLA PERDITA DI SUOLO PARCELLARE A SCALA DI EVENTO

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Nel presente lavoro viene valutata la potenzialità di accoppiare la USLE con il contenuto d’acqua del suolo pre-evento o il deflusso stimato, per migliorare l’accuratezza della stima della perdita di suolo a scala di singolo evento erosivo. A tale scopo sono stati utilizzati due approcci per i quali la perdita di suolo e il fattore di erosività sono legati da una legge di potenza. Il primo è il modello USLE-MM con deflusso stimato da un modello afflussi deflussi, SCRRM, che importa dati di contenuto d’acqua. Il secondo approccio è quello del modello SM4E che utilizza i dati di contenuto d’acqua pre-evento per correggere il fattore di erosività della pioggia. I due modelli sono stati testati usando le misure effettuate sulle parcelle di 22 m realizzate alle stazioni sperimentali di Masse e Sparacia. I risultati mostrano che la USLE-MM, che impiega misure di deflusso, conduce alle migliori stime della perdita di suolo. In atto, la simulazione del deflusso o l’uso del contenuto idrico del suolo conducono a una performance del modello peggiore di quella riscontrabile con la USLE originaria. Ulteriori indagini dovranno essere effettuate per migliorare la previsione del deflusso a scala di parcella, facendo anche ricorso a un database di misure più esteso.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

@conference{e0a3a78215a5497783495ea0ad1e30f0,
title = "IMPIEGO DEL CONTENUTO IDRICO DEL SUOLO E DEL DEFLUSSO SUPERFICIALE PER LA STIMA DELLA PERDITA DI SUOLO PARCELLARE A SCALA DI EVENTO",
abstract = "Nel presente lavoro viene valutata la potenzialit{\`a} di accoppiare la USLE con il contenuto d’acqua del suolo pre-evento o il deflusso stimato, per migliorare l’accuratezza della stima della perdita di suolo a scala di singolo evento erosivo. A tale scopo sono stati utilizzati due approcci per i quali la perdita di suolo e il fattore di erosivit{\`a} sono legati da una legge di potenza. Il primo {\`e} il modello USLE-MM con deflusso stimato da un modello afflussi deflussi, SCRRM, che importa dati di contenuto d’acqua. Il secondo approccio {\`e} quello del modello SM4E che utilizza i dati di contenuto d’acqua pre-evento per correggere il fattore di erosivit{\`a} della pioggia. I due modelli sono stati testati usando le misure effettuate sulle parcelle di 22 m realizzate alle stazioni sperimentali di Masse e Sparacia. I risultati mostrano che la USLE-MM, che impiega misure di deflusso, conduce alle migliori stime della perdita di suolo. In atto, la simulazione del deflusso o l’uso del contenuto idrico del suolo conducono a una performance del modello peggiore di quella riscontrabile con la USLE originaria. Ulteriori indagini dovranno essere effettuate per migliorare la previsione del deflusso a scala di parcella, facendo anche ricorso a un database di misure pi{\`u} esteso.",
author = "Vito Ferro and Vincenzo Pampalone",
year = "2016",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - IMPIEGO DEL CONTENUTO IDRICO DEL SUOLO E DEL DEFLUSSO SUPERFICIALE PER LA STIMA DELLA PERDITA DI SUOLO PARCELLARE A SCALA DI EVENTO

AU - Ferro, Vito

AU - Pampalone, Vincenzo

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Nel presente lavoro viene valutata la potenzialità di accoppiare la USLE con il contenuto d’acqua del suolo pre-evento o il deflusso stimato, per migliorare l’accuratezza della stima della perdita di suolo a scala di singolo evento erosivo. A tale scopo sono stati utilizzati due approcci per i quali la perdita di suolo e il fattore di erosività sono legati da una legge di potenza. Il primo è il modello USLE-MM con deflusso stimato da un modello afflussi deflussi, SCRRM, che importa dati di contenuto d’acqua. Il secondo approccio è quello del modello SM4E che utilizza i dati di contenuto d’acqua pre-evento per correggere il fattore di erosività della pioggia. I due modelli sono stati testati usando le misure effettuate sulle parcelle di 22 m realizzate alle stazioni sperimentali di Masse e Sparacia. I risultati mostrano che la USLE-MM, che impiega misure di deflusso, conduce alle migliori stime della perdita di suolo. In atto, la simulazione del deflusso o l’uso del contenuto idrico del suolo conducono a una performance del modello peggiore di quella riscontrabile con la USLE originaria. Ulteriori indagini dovranno essere effettuate per migliorare la previsione del deflusso a scala di parcella, facendo anche ricorso a un database di misure più esteso.

AB - Nel presente lavoro viene valutata la potenzialità di accoppiare la USLE con il contenuto d’acqua del suolo pre-evento o il deflusso stimato, per migliorare l’accuratezza della stima della perdita di suolo a scala di singolo evento erosivo. A tale scopo sono stati utilizzati due approcci per i quali la perdita di suolo e il fattore di erosività sono legati da una legge di potenza. Il primo è il modello USLE-MM con deflusso stimato da un modello afflussi deflussi, SCRRM, che importa dati di contenuto d’acqua. Il secondo approccio è quello del modello SM4E che utilizza i dati di contenuto d’acqua pre-evento per correggere il fattore di erosività della pioggia. I due modelli sono stati testati usando le misure effettuate sulle parcelle di 22 m realizzate alle stazioni sperimentali di Masse e Sparacia. I risultati mostrano che la USLE-MM, che impiega misure di deflusso, conduce alle migliori stime della perdita di suolo. In atto, la simulazione del deflusso o l’uso del contenuto idrico del suolo conducono a una performance del modello peggiore di quella riscontrabile con la USLE originaria. Ulteriori indagini dovranno essere effettuate per migliorare la previsione del deflusso a scala di parcella, facendo anche ricorso a un database di misure più esteso.

UR - http://hdl.handle.net/10447/218708

M3 - Paper

ER -