Impatto dei predatori lungo un gradiente forestale di urbanizzazione in Danimarca

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Lungo un gradiente di urbanizzazione che va dalla foresta, dominata da Fagus selvatica,ai frammenti della foresta originale nel parco urbano di Sorø a sud della Danimarca(Isola Zelanda), i coleotteri carabidi non dimostrano un decremento nella lorodiversità generale, ma le specie che hanno una preferenza nei confronti della forestadiminuiscono (Magura & al. 2010, Global Ecol. Biogegoraphy).Cercando una spiegazione per quest’anomalia, si sono analizzati i tassi di predazione ecompetizione nei differenti habitat a diversi livelli di urbanizzazione. A tal fine è statoutilizzato un metodo innovativo (Howe & al. 2009, Entomol. Exp. Appl.), checonsiste nella disposizione di larve artificiali di lepidotteri di plastilina verde chevengono esposte per 24 ore nei differenti habitat. Molti predatori non riconosconoche si tratta di una preda artificiale, e lasciano dei morsi sulla plastilina. Per quantoriguarda l’analisi della competizione interspecifica è stato predisposto del cibo su dellepiastre, dove l’occupazione del cibo indica la presenza dei competitori.Il tasso di predazione nei primi due mesi di primavera era variabile, ma generalmentealta (15-50%) in tutte i tre tipi di habitat. Sono stati identificati coleotteri, formiche,piccoli mammiferi ed uccelli come predatori piu frequenti. L’intensità di predazionedei piccoli mammiferi era più alta nella zona suburbana. Essi sono anche predatori deicarabidi, indicando che la scarsita dei carabidi negli habitat suburbanei può essereattribuito all’attivita alta di questo gruppo. E’ indicata una stima di competizionesoprattutto di formiche (Formicidae). I risultati sottolineano che l’ecologia dei carabidinon può esser interpretata senza considereo gli altri gruppi che fanno parte dellostesso guild (predatori generalisti) ne l’attività dei predatori del gruppo target (carabidi)può esser ignorato.
Lingua originaleItalian
Pagine144-144
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Cita questo