Il realismo socialista e il GULag: estetica normativa e censura

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La censura sovietica (come dimostrato dall'analisi delle due versioni del Secondo giorno di Erenburg) temeva i nomi più che i concetti. Allo stesso modo, la sorte del volume sul Belomorkanal dimostra che a imporre l'estetica del realismo socialista contro le avanguardie possono essere state ragioni censorie.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLeggere la cenere: Saggi su letteratura e censura
Pagine119-130
Numero di pagine12
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Serie di pubblicazioni

NomePROTEO

Cita questo