Il problema del tradurre (1965-2005)

Risultato della ricerca: Other report

Abstract

Quando, nel 1965, Emilio Mattioli pubblica «Introduzione al problema del tradurre», gli studi italiani dedicati alla traduzione annaspano ancora, con Croce e Gentile, nelle sabbie mobili dell’obiezione pregiudiziale: il metodo della nuova fenomenologia critica applicato ai processi traduttivi inaugura, lontano dalla pigrizia dei luoghi comuni, un esercizio critico che sarebbe durato più di quarant’anni. Riuniti per la prima volta in volume, questi saggi di Emilio Mattioli disegnano il percorso di una traduttologia viva, proteiforme, nel movimento euristico del linguaggio: «Imparare a convivere con la provvisorietà non è una rinuncia, ma una conquista, significa infatti riconoscere alla traduzione una partecipazione profonda e una funzione nell’àmbito della vita dell’arte e aprirsi ad una comprensione non pregiudicata di questa attività, la cui centralità è fortemente presente nella coscienza culturale del nostro tempo tanto da configurarsi come un punto di riferimento per il riassestamento in atto dei saperi».
Lingua originaleItalian
EditoreMucchi
Numero di pagine200
ISBN (stampa)978-88-7000-759-6
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Serie di pubblicazioni

NomeStrumenti Nuova Serie. Teoria, storia e pratiche della traduzione. Collana diretta da Antonio Lavieri

Cita questo