IL potere degli antenati : il “dispositivo soterico ”nella lex sacra di Selinunte

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La colonna "B" della Lex Sacra di Selinunte prescrive una procedura catartica connessa verosimilmente a casi di spargimento di sangue, soprattutto in ambito familiare. Essa ci mostra come a unire i diversi elementi cardine della procedura stessa sia il filo di uno scambio e un riconoscimento reciproco tra diversi livelli di socialità, che ha come unica inviolabile regola che l’applicazione delle prassi cultuali non contrasti con l’interesse generale della polis. Due elementi chiave emergono: a) in primo luogo, la coerenza cronologica delle testimonianze rafforza la pertinenza di queste correlazioni; b) soprattutto emerge con chiarezza, almeno a mio avviso, la relazione con la sfera dell’ancestralità e della memoria, che si richiama, con un movimento a ritroso quasi di nome in nome, alla fase di fondazione e all’intervento degli antenati, sempre presenti nel campo d’azione di una memoria ritualizzata. Ciò avviene tanto nel tempo generazionale (attraverso i Τριτοπάτορες e gli altri antenati), quanto lungo l’asse orizzontale, quello delle articolazioni genetiche, ossia la rete sociale che innerva la comunità tenendola unita e compensando in certa misura gli attriti inevitabili. Entrambi i due assi identitari – dal passato fondativo al futuro purificato e dall’οἶκος alla πόλις – sono necessari per la κοινωνία e la perfetta integrità della comunità. Questo testo epigrafico ci illumina soprattutto sui modi in cui una società del passato affrontava il rapporto tra convivenza e violenza.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteXenia. Studi in onore di Lia Marino
Pagine99-111
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Serie di pubblicazioni

Nomevolume fuori collana (Festschrift)

Cita questo