Il Postmoderno nella letteratura argentina. Fernandez, Borges, Bioy Casares.

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Le opere di Fernández, Borges e Bioy Casares sembrano anticipare, di vari decenni, categorie e concetti che, negli anni Sessanta del XX secolo, costituirono il fondamento della riflessione postmoderna. Ci riferiamo in particolare alle traiettorie del pensiero che presero i nomi di “decostruzione”, “differenza”, “simulazione” e “rizoma”, categorie che si fecero portatrici di quell’arte del dubitare che contraddistinse il lavoro di studiosi come Foucault, Derrida, Lyotard, Deleuze, Guattari e Baudrillard. Nell’opera dei tre autori argentini viene messa in discussione ogni possibile soluzione definitiva sui misteri del mondo, ogni sentiero di sapienza individuato dalla filosofia o dall’epistemologia, fino a voler sgretolare anche la costruzione letteraria e il sogno di riscatto che essa rappresenta, sconfinando in quello che potrebbe dirsi accanito e disperato scetticismo. Non è così, dal momento che una simile idea di letteratura sembra rispondere invece a una profonda esigenza intellettuale: istigare, rendere indispensabile e vivifico il dubbio, come forma suprema dell’intelligenza e come unico possibile riscatto che è concesso al pensatore, al filosofo, allo scrittore.
Lingua originaleItalian
EditoreCarocci
Numero di pagine126
ISBN (stampa)978-88-430-7224-8
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Serie di pubblicazioni

NomeLINGUE E LETTERATURE CAROCCI

Cita questo