Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale del paziente con melanoma metastatico presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Paolo Giaccone di Palermo come strumento applicativo della clinical governance

Gaetana Rinaldi, Alberto Firenze, Adriana Cordova, Francesca Rocca, Ivan Fazio

Risultato della ricerca: Article

Abstract

L’evoluzione dello scenario internazionale relativo alla sanitàidentifica cinque specifiche dimensioni come driver delcambiamento: il sistema, la finanza, le persone, i processi ela tecnologia. In linea con tali elementi, il patto per la salute2014-2016 esplicita la necessità di una rivisitazione a tutti ilivelli del sistema salute, sia organizzativo che gestionale, conl’intento di aumentare l’efficienza e l’efficacia, sviluppandonuovi modelli assistenziali, anche nella logica delle reticliniche, dove tra gli “strumenti” viene identificata l’attivazionedi Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali (PDTA). Ipercorsi condivisi e codificati per i vari stadi di patologia,con un sistema di raccolta dei dati clinici che possagenerare gli indicatori di processo e di esito, sono ritenutiindispensabili per innescare il miglioramento della qualitàe valutare l’efficacia e l’efficienza. Tenendo conto di questepremesse, nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera UniversitariaPoliclinico Paolo Giaccone di Palermo è stata sviluppatauna progettualità al fine di formalizzare e studiare il PDTAdel paziente con melanoma metastatico, identificando ilpercorso ideale e descrivendo il percorso applicabile con lerelative leve del cambiamento. Il progetto ha reso evidentecome la gestione consapevole del “profondo cambiamento”in essere nelle organizzazioni clinico assistenziali può essere“governata” grazie anche alla “documentazione” del propriomodo di operare in riferimento alle Linee Guida di riferimentoe alle relative raccomandazioni. Il progetto ha reso evidenteinoltre come la sostenibilità dei percorsi passa ancheattraverso la definizione di opportuni indicatori, correlati allediverse fasi ed attività chiave, da poter monitorare nella “vitacorrente dell’organizzazione”.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine10
RivistaDefault journal
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo

@article{6e967fac39294eba865ea9892136835b,
title = "Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale del paziente con melanoma metastatico presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Paolo Giaccone di Palermo come strumento applicativo della clinical governance",
abstract = "L’evoluzione dello scenario internazionale relativo alla sanit{\`a}identifica cinque specifiche dimensioni come driver delcambiamento: il sistema, la finanza, le persone, i processi ela tecnologia. In linea con tali elementi, il patto per la salute2014-2016 esplicita la necessit{\`a} di una rivisitazione a tutti ilivelli del sistema salute, sia organizzativo che gestionale, conl’intento di aumentare l’efficienza e l’efficacia, sviluppandonuovi modelli assistenziali, anche nella logica delle reticliniche, dove tra gli “strumenti” viene identificata l’attivazionedi Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali (PDTA). Ipercorsi condivisi e codificati per i vari stadi di patologia,con un sistema di raccolta dei dati clinici che possagenerare gli indicatori di processo e di esito, sono ritenutiindispensabili per innescare il miglioramento della qualit{\`a}e valutare l’efficacia e l’efficienza. Tenendo conto di questepremesse, nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera UniversitariaPoliclinico Paolo Giaccone di Palermo {\`e} stata sviluppatauna progettualit{\`a} al fine di formalizzare e studiare il PDTAdel paziente con melanoma metastatico, identificando ilpercorso ideale e descrivendo il percorso applicabile con lerelative leve del cambiamento. Il progetto ha reso evidentecome la gestione consapevole del “profondo cambiamento”in essere nelle organizzazioni clinico assistenziali pu{\`o} essere“governata” grazie anche alla “documentazione” del propriomodo di operare in riferimento alle Linee Guida di riferimentoe alle relative raccomandazioni. Il progetto ha reso evidenteinoltre come la sostenibilit{\`a} dei percorsi passa ancheattraverso la definizione di opportuni indicatori, correlati allediverse fasi ed attivit{\`a} chiave, da poter monitorare nella “vitacorrente dell’organizzazione”.",
author = "Gaetana Rinaldi and Alberto Firenze and Adriana Cordova and Francesca Rocca and Ivan Fazio",
year = "2017",
language = "Italian",
journal = "Default journal",

}

TY - JOUR

T1 - Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale del paziente con melanoma metastatico presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Paolo Giaccone di Palermo come strumento applicativo della clinical governance

AU - Rinaldi, Gaetana

AU - Firenze, Alberto

AU - Cordova, Adriana

AU - Rocca, Francesca

AU - Fazio, Ivan

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - L’evoluzione dello scenario internazionale relativo alla sanitàidentifica cinque specifiche dimensioni come driver delcambiamento: il sistema, la finanza, le persone, i processi ela tecnologia. In linea con tali elementi, il patto per la salute2014-2016 esplicita la necessità di una rivisitazione a tutti ilivelli del sistema salute, sia organizzativo che gestionale, conl’intento di aumentare l’efficienza e l’efficacia, sviluppandonuovi modelli assistenziali, anche nella logica delle reticliniche, dove tra gli “strumenti” viene identificata l’attivazionedi Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali (PDTA). Ipercorsi condivisi e codificati per i vari stadi di patologia,con un sistema di raccolta dei dati clinici che possagenerare gli indicatori di processo e di esito, sono ritenutiindispensabili per innescare il miglioramento della qualitàe valutare l’efficacia e l’efficienza. Tenendo conto di questepremesse, nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera UniversitariaPoliclinico Paolo Giaccone di Palermo è stata sviluppatauna progettualità al fine di formalizzare e studiare il PDTAdel paziente con melanoma metastatico, identificando ilpercorso ideale e descrivendo il percorso applicabile con lerelative leve del cambiamento. Il progetto ha reso evidentecome la gestione consapevole del “profondo cambiamento”in essere nelle organizzazioni clinico assistenziali può essere“governata” grazie anche alla “documentazione” del propriomodo di operare in riferimento alle Linee Guida di riferimentoe alle relative raccomandazioni. Il progetto ha reso evidenteinoltre come la sostenibilità dei percorsi passa ancheattraverso la definizione di opportuni indicatori, correlati allediverse fasi ed attività chiave, da poter monitorare nella “vitacorrente dell’organizzazione”.

AB - L’evoluzione dello scenario internazionale relativo alla sanitàidentifica cinque specifiche dimensioni come driver delcambiamento: il sistema, la finanza, le persone, i processi ela tecnologia. In linea con tali elementi, il patto per la salute2014-2016 esplicita la necessità di una rivisitazione a tutti ilivelli del sistema salute, sia organizzativo che gestionale, conl’intento di aumentare l’efficienza e l’efficacia, sviluppandonuovi modelli assistenziali, anche nella logica delle reticliniche, dove tra gli “strumenti” viene identificata l’attivazionedi Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali (PDTA). Ipercorsi condivisi e codificati per i vari stadi di patologia,con un sistema di raccolta dei dati clinici che possagenerare gli indicatori di processo e di esito, sono ritenutiindispensabili per innescare il miglioramento della qualitàe valutare l’efficacia e l’efficienza. Tenendo conto di questepremesse, nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera UniversitariaPoliclinico Paolo Giaccone di Palermo è stata sviluppatauna progettualità al fine di formalizzare e studiare il PDTAdel paziente con melanoma metastatico, identificando ilpercorso ideale e descrivendo il percorso applicabile con lerelative leve del cambiamento. Il progetto ha reso evidentecome la gestione consapevole del “profondo cambiamento”in essere nelle organizzazioni clinico assistenziali può essere“governata” grazie anche alla “documentazione” del propriomodo di operare in riferimento alle Linee Guida di riferimentoe alle relative raccomandazioni. Il progetto ha reso evidenteinoltre come la sostenibilità dei percorsi passa ancheattraverso la definizione di opportuni indicatori, correlati allediverse fasi ed attività chiave, da poter monitorare nella “vitacorrente dell’organizzazione”.

UR - http://hdl.handle.net/10447/227270

M3 - Article

JO - Default journal

JF - Default journal

ER -