Il Palazzo delle Assicurazioni Generali: un nuovo modello edilizio di Ernesto Basile nel piano di riforma positivista della Città di Palermo

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

L’immobile progettato da Ernesto Basile nel 1912 per conto delle Assicurazioni Generali di Venezia ha avuto un ruolo nevralgico nella storia della produzione edilizia e delle dinamiche urbane di Palermo nel tardo periodo della Belle Èpoque. Eretta su un’area ad isolato la fabbrica appena ultimata si imponeva per consistenza stereometrica e, al tempo stesso, per equilibrio compositivo sul limitrofo pregevole contesto edilizio della nascente via Roma. Ad angolo fra le strategiche via Roma e via Cavour il fabbricato delle Assicurazioni Generali di Venezia finì per assumere il ruolo di segnale urbano identificabile come “soglia” dell’attraversamento, proprio tramite via Roma, della città storica verso la Stazione Centrale e, al tempo stesso, di smistamento, nel percorso di senso opposto, del flusso che da quest’ultima, dalle borgate suburbane meridionali e dai mandamenti della città andava verso il porto.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)175-197
Numero di pagine23
RivistaSTORIA DELL'URBANISTICA
Volume1
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo