Il mostro argivo (Aesch. Ag. 824)

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il contributo analizza il passo dell'Agamennone di Eschilo (821-829) in cui l'assalto finale a Troia viene presentato dal duce vincitore con un lessico che rinvia a un bestiario mostruoso e crudivoro, in una visione ferina della conquista di Troia, anticipata anche nella parodo dal paragone con gli avvoltoi che si vendicano del nido vuoto. Sotto il filtro mitico della guerra di Troia si cela pertanto una riflessione di tipo etico che individua nella guerra una situazione di limite pericoloso, in cui un essere umano rischia la deriva verso la ferocia e la bestiliatà.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)245-250
Numero di pagine6
RivistaAION ANNALI DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO ORIENTALE DI NAPOLI. DIPARTIMENTO DI STUDI DEL MONDO CLASSICO E DEL MEDITERRANEO ANTICO. SEZIONE FILOLOGICO-LETTERARIA
VolumeQuaderni 18
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo