Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij

Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Kostantin Sergei Stanislasvkij segna l’inizio della grande tradizione della regia del Novecento. Le sue regie emergono da un sistema di recitazione fondato sull’immedesimazione e la memoria emotiva. Si registra però nella tradizione ottocentesca del grande attore italiano una recitazione che seppure appariva generata da una creazione individuale, in realtà sottostava alle regole di una forma codificata di voci e gesti appostiti, quella della drammatica-metodo italiano. Documenti diretti e indiretti ci confermano come Stanislavskij abbia elaborato il suo sistema di reviviscenza nel tentativo di emulare la grande spontaneità dei grandi attori italiani. Il ritrovamento e la successiva ricomposizione della biblioteca privata di Eleonora Duse, la cui catalogazione è stata il presupposto per tentare di tracciare un sommario ma complessivo profilo intellettuale della grande attrice italiana, quale lo ho proposto nel mio The Murray Edwards Duse Collection (Mimesis, 2012), sono stati indispensabili per individuare e decodificare il sistema declamatorio della drammatica-metodo italiano. Già nella prima fase dello studio di quel fondo si poteva intravvedere che la cultura letteraria e teatrale della Duse si muoveva all’interno di un sistema di recitazione dall’architettura geometrica, incompatibile con quello che si è a lungo creduto sia stato il suo stile, contraddistinto cioè dalla esibizione diretta della sua individualità, irripetibile nella sua verità, trasfusa nel personaggio con tutti i suoi nervi, le sue private ed intimissime passioni ed avversioni. I libri di Cambridge ci offrono indizi cospicui che consentono di ricostruire le sue pratiche sceniche e di individuare gli elementi fondativi dell’interpretazione dei testi che recitò.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAl di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione
Pagine13-36
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Serie di pubblicazioni

NomeSAGGI, MEMORIE, INTERVENTI

Cita questo

Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G (2017). Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij. In Al di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione (pagg. 13-36). (SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI).

Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij. / Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G.

Al di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione. 2017. pag. 13-36 (SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI).

Risultato della ricerca: Chapter

Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G 2017, Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij. in Al di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione. SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI, pagg. 13-36.
Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G. Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij. In Al di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione. 2017. pag. 13-36. (SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI).
Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G. / Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij. Al di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione. 2017. pagg. 13-36 (SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI).
@inbook{9b0d94e76e324350af47a7e4f17e1d8c,
title = "Il metodo italiano che ispir{\`o} Stanislavskij",
abstract = "Kostantin Sergei Stanislasvkij segna l’inizio della grande tradizione della regia del Novecento. Le sue regie emergono da un sistema di recitazione fondato sull’immedesimazione e la memoria emotiva. Si registra per{\`o} nella tradizione ottocentesca del grande attore italiano una recitazione che seppure appariva generata da una creazione individuale, in realt{\`a} sottostava alle regole di una forma codificata di voci e gesti appostiti, quella della drammatica-metodo italiano. Documenti diretti e indiretti ci confermano come Stanislavskij abbia elaborato il suo sistema di reviviscenza nel tentativo di emulare la grande spontaneit{\`a} dei grandi attori italiani. Il ritrovamento e la successiva ricomposizione della biblioteca privata di Eleonora Duse, la cui catalogazione {\`e} stata il presupposto per tentare di tracciare un sommario ma complessivo profilo intellettuale della grande attrice italiana, quale lo ho proposto nel mio The Murray Edwards Duse Collection (Mimesis, 2012), sono stati indispensabili per individuare e decodificare il sistema declamatorio della drammatica-metodo italiano. Gi{\`a} nella prima fase dello studio di quel fondo si poteva intravvedere che la cultura letteraria e teatrale della Duse si muoveva all’interno di un sistema di recitazione dall’architettura geometrica, incompatibile con quello che si {\`e} a lungo creduto sia stato il suo stile, contraddistinto cio{\`e} dalla esibizione diretta della sua individualit{\`a}, irripetibile nella sua verit{\`a}, trasfusa nel personaggio con tutti i suoi nervi, le sue private ed intimissime passioni ed avversioni. I libri di Cambridge ci offrono indizi cospicui che consentono di ricostruire le sue pratiche sceniche e di individuare gli elementi fondativi dell’interpretazione dei testi che recit{\`o}.",
author = "{Cavallini, I; Cassar{\`a}, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G} and Anna Sica",
year = "2017",
language = "Italian",
isbn = "978-88-98731-21-3",
series = "SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI",
pages = "13--36",
booktitle = "Al di l{\`a} di un concetto visibile. Teatro e teatralit{\`a}: musica, poesia, recitazione",

}

TY - CHAP

T1 - Il metodo italiano che ispirò Stanislavskij

AU - Cavallini, I; Cassarà, M; Davis, J; De Domenico, N; Gerbino, A; Iurilli, A; Pietrini,S; Rajata, L; Tamburello, G

AU - Sica, Anna

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Kostantin Sergei Stanislasvkij segna l’inizio della grande tradizione della regia del Novecento. Le sue regie emergono da un sistema di recitazione fondato sull’immedesimazione e la memoria emotiva. Si registra però nella tradizione ottocentesca del grande attore italiano una recitazione che seppure appariva generata da una creazione individuale, in realtà sottostava alle regole di una forma codificata di voci e gesti appostiti, quella della drammatica-metodo italiano. Documenti diretti e indiretti ci confermano come Stanislavskij abbia elaborato il suo sistema di reviviscenza nel tentativo di emulare la grande spontaneità dei grandi attori italiani. Il ritrovamento e la successiva ricomposizione della biblioteca privata di Eleonora Duse, la cui catalogazione è stata il presupposto per tentare di tracciare un sommario ma complessivo profilo intellettuale della grande attrice italiana, quale lo ho proposto nel mio The Murray Edwards Duse Collection (Mimesis, 2012), sono stati indispensabili per individuare e decodificare il sistema declamatorio della drammatica-metodo italiano. Già nella prima fase dello studio di quel fondo si poteva intravvedere che la cultura letteraria e teatrale della Duse si muoveva all’interno di un sistema di recitazione dall’architettura geometrica, incompatibile con quello che si è a lungo creduto sia stato il suo stile, contraddistinto cioè dalla esibizione diretta della sua individualità, irripetibile nella sua verità, trasfusa nel personaggio con tutti i suoi nervi, le sue private ed intimissime passioni ed avversioni. I libri di Cambridge ci offrono indizi cospicui che consentono di ricostruire le sue pratiche sceniche e di individuare gli elementi fondativi dell’interpretazione dei testi che recitò.

AB - Kostantin Sergei Stanislasvkij segna l’inizio della grande tradizione della regia del Novecento. Le sue regie emergono da un sistema di recitazione fondato sull’immedesimazione e la memoria emotiva. Si registra però nella tradizione ottocentesca del grande attore italiano una recitazione che seppure appariva generata da una creazione individuale, in realtà sottostava alle regole di una forma codificata di voci e gesti appostiti, quella della drammatica-metodo italiano. Documenti diretti e indiretti ci confermano come Stanislavskij abbia elaborato il suo sistema di reviviscenza nel tentativo di emulare la grande spontaneità dei grandi attori italiani. Il ritrovamento e la successiva ricomposizione della biblioteca privata di Eleonora Duse, la cui catalogazione è stata il presupposto per tentare di tracciare un sommario ma complessivo profilo intellettuale della grande attrice italiana, quale lo ho proposto nel mio The Murray Edwards Duse Collection (Mimesis, 2012), sono stati indispensabili per individuare e decodificare il sistema declamatorio della drammatica-metodo italiano. Già nella prima fase dello studio di quel fondo si poteva intravvedere che la cultura letteraria e teatrale della Duse si muoveva all’interno di un sistema di recitazione dall’architettura geometrica, incompatibile con quello che si è a lungo creduto sia stato il suo stile, contraddistinto cioè dalla esibizione diretta della sua individualità, irripetibile nella sua verità, trasfusa nel personaggio con tutti i suoi nervi, le sue private ed intimissime passioni ed avversioni. I libri di Cambridge ci offrono indizi cospicui che consentono di ricostruire le sue pratiche sceniche e di individuare gli elementi fondativi dell’interpretazione dei testi che recitò.

UR - http://hdl.handle.net/10447/233817

M3 - Chapter

SN - 978-88-98731-21-3

T3 - SAGGI, MEMORIE, INTERVENTI

SP - 13

EP - 36

BT - Al di là di un concetto visibile. Teatro e teatralità: musica, poesia, recitazione

ER -