Il labirinto della memoria. Clan familiari, potere regio e amministrazione cittadina ad Agrigento tra Duecento e Quattrocento.

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Dopo la rivolta del Vespro e l'arrivo degli Aragonesi, Agrigento assume una chiara fisionomia sociale. Nel Trecento i Chiaromonte controllano la giustizia, l'amministrazione e le finanze, fondano chiese, monasteri, ospedali e imprimono alla città un inconfondibile stile architettonico. Nella prima metà del Quattrocento il tessuto urbano subisce un profondo stato di abbandono e la città è lacerata da lotte di fazione e insanabili contrasti.
Lingua originaleItalian
EditoreSalvatore Sciascia
Numero di pagine672
ISBN (stampa)978-88-8241-362-0
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Serie di pubblicazioni

NomeMEDIOEVO MEDITERRANEO

Cita questo

@book{4545a81d8f084a99ba4a6865a27fb190,
title = "Il labirinto della memoria. Clan familiari, potere regio e amministrazione cittadina ad Agrigento tra Duecento e Quattrocento.",
abstract = "Dopo la rivolta del Vespro e l'arrivo degli Aragonesi, Agrigento assume una chiara fisionomia sociale. Nel Trecento i Chiaromonte controllano la giustizia, l'amministrazione e le finanze, fondano chiese, monasteri, ospedali e imprimono alla citt{\`a} un inconfondibile stile architettonico. Nella prima met{\`a} del Quattrocento il tessuto urbano subisce un profondo stato di abbandono e la citt{\`a} {\`e} lacerata da lotte di fazione e insanabili contrasti.",
author = "Patrizia Sardina",
year = "2011",
language = "Italian",
isbn = "978-88-8241-362-0",
series = "MEDIOEVO MEDITERRANEO",
publisher = "Salvatore Sciascia",

}

TY - BOOK

T1 - Il labirinto della memoria. Clan familiari, potere regio e amministrazione cittadina ad Agrigento tra Duecento e Quattrocento.

AU - Sardina, Patrizia

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Dopo la rivolta del Vespro e l'arrivo degli Aragonesi, Agrigento assume una chiara fisionomia sociale. Nel Trecento i Chiaromonte controllano la giustizia, l'amministrazione e le finanze, fondano chiese, monasteri, ospedali e imprimono alla città un inconfondibile stile architettonico. Nella prima metà del Quattrocento il tessuto urbano subisce un profondo stato di abbandono e la città è lacerata da lotte di fazione e insanabili contrasti.

AB - Dopo la rivolta del Vespro e l'arrivo degli Aragonesi, Agrigento assume una chiara fisionomia sociale. Nel Trecento i Chiaromonte controllano la giustizia, l'amministrazione e le finanze, fondano chiese, monasteri, ospedali e imprimono alla città un inconfondibile stile architettonico. Nella prima metà del Quattrocento il tessuto urbano subisce un profondo stato di abbandono e la città è lacerata da lotte di fazione e insanabili contrasti.

UR - http://hdl.handle.net/10447/61682

M3 - Book

SN - 978-88-8241-362-0

T3 - MEDIOEVO MEDITERRANEO

BT - Il labirinto della memoria. Clan familiari, potere regio e amministrazione cittadina ad Agrigento tra Duecento e Quattrocento.

PB - Salvatore Sciascia

ER -