Il dolore, una ferita incurabile? Linee di fenomenologia e/o antropologia del dolore umano: limite esistenziale, crisi del senso, solidarietà possibili

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La distinzione tra dolore e sofferenza, evidente sul piano medico, sembra impossibile sul piano filosofico. Ma ciò accade solo se la filosofia viene concepita come il regno dell'imperturbabilità della ragione astrattiva e generalizzante. Inteso come frattura che permette al pensare e alla vita di palesarsi, segnando la distanza fra vita ed esistenza, il dolore impedisce che l'esistenza asfissi la vita. Del dolore, infatti, l'esistenza conosce solo la sua passività,, perciò tende all'indolenza, e cioè a negare che il dolore, elemento integrante della stessa sanità dell'essere umano, possa essere l'unico antidoto possibile perché il cuore non si assordi e la ragione conosca libertà.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl dolore e la speranza.Cura della responsabilità, responsabilità della cura
Pagine37-60
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Serie di pubblicazioni

NomePercorsi di etica-Colloqui/2

Cita questo