Il divieto della tortura rimesso in discussione

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

L'autrice, Emilia Bea, attacca le tesi che prospettano la possibilità di rimettere in discussione il divieto di tortura, considerato un elemento cardine della protezione dei diritti dell’uomo. La sua analisi pone l’accento sulla intrinseca erroneità di ogni tentativo di riaprire il dibattito sulla giustificabilità del tortura, arrivando ad attribuire una sorta di responsabilità agli autori che affrontino la questione come un tema da discutere. Il carattere di assolutezza del diritto a non essere sottoposti a torture è paradigmatico di uno dei profili essenziali dei diritti umani, così come definiti nelle teorizzazioni intorno al loro nucleo originario. L’autrice conclude propugnando la tesi (provocatoria) della opportunità di fare della tortura un tema tabù.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo