Il diritto all’autodeterminazione dei popoli indigeni e le politiche di sviluppo in America Latina

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Negli ultimi decenni, si è assistito a un crescente riconoscimento, nell’ambito degli organismi internazionali e degli Stati nazionali, delle richieste di una maggiore autonomia politica e territoriale e di rispetto delle proprie specificità culturali avanzate dai popoli indigeni.Concentrandosi sull’America Latina, lo scritto discute le premesse storiche di questo processo, e le controversie e i dibattiti attuali su uno dei suoi aspetti più importanti:il diritto dei popoli indigeni a stabilire le proprie priorità nei programmi di sviluppo che li riguardano. Il modo di interpretare il principio della loro consultazione previa,libera e informata nei progetti e nei programmi di sviluppo che interessano i loro territori, e la proposta di propri modelli di ‘etnosviluppo’ e di pianificazione sono due deiprincipali terreni in cui si oggi la concreta affermazione di questo diritto si sta giocando sul piano politico. Tutto ciò sta contribuendo a un più vasto ripensamento critico non solo del ‘paradigma dello sviluppo’ egemonico, ma anche dei significati di altri concetti politici cruciali della modernità come ‘cittadinanza’, ‘sovranità’, ‘autonomia’,oltre che dello stesso concetto di ‘indigeno’
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)103-124
Numero di pagine22
RivistaARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO
Volume15
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo