IL CONSENSO INFORMATO NEI PROTOCOLLI CARDIOLOGICI PER IL GIUDIZIO DI IDONEITÀ ALLA ATTIVITÀ SPORTIVA

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Il consenso informato nelle attività sportive trova esplicita previsione agliarticoli 71 e 72 del Codice di Deontologia Medica. L’articolo 71 prescrive una adeguata informazione al soggetto sugli eventuali rischi che la specifica attività sportiva puòcomportare. In base a questa indicazione il problema del consenso informato può presentarsi in "senso proprio" quando si eseguono accertamenti, non invasivi o invasivi, per la valutazione dell’idoneità alle attività sportive che possono comportaredei rischi di cui l’interessato deve essere informato e in "in senso ampio" quando l’esperto, scoperta una patologia, ritiene che questa sia compatibile con l’esercizio fisico, anche se in forme e con modalità ridotte, e lo rappresenta al soggetto, chiedendone la consapevole collaborazione.Il medico nell’informazione del cittadino e nell’acquisizione del consenso, in base alle norme degli articoli 33 e 35 del Codice di Deontologia Medica, deve informare sulle prospettive e opzioni possibili in modo adeguato, assicurarsi che i contenuti delle informazioni siano stati pienamente compresi ed ottenere un inequivocabile consenso, espresso in modo libero, ad eseguire un’attività diagnostica e/o terapeutica. In caso di soggetto minore, il consenso deve essere prestato da entrambi i genitori i quali esercitano congiuntamente potestà sulminore stesso. Nell’ipotesi in cui il medico non faccia redigere il consenso incorrein una responsabilità professionale che dal punto di vista giuridico può assumerela forma della inadempienza contrattuale.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)19-24
Numero di pagine6
RivistaRIVISTA DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
VolumeI
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo