Il centro civico polivalente di Modica, Arch. Emanuele Fidone, 2005-2009. Gli ambiti spaziali di un centro sociale in un terreno acclive

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Santo Giunta ritorna a scrivere sul centro civico polivalente di Modica di Emanuele Fidone dopo l’articolo per Domus (n. 929/2009).Il centro civico, che ha ottenuto importanti riconoscimenti, come la menzione speciale alla Medaglia d’oro di Architettura Italiana alla Triennale di Milano (2009), è un’architettura volutamente “piena”, che sembra levitare sul suolo. Il progetto disciplina, non solo funzionalmente, un accurato sistema di percorsi, che guarda sia alle relazioni che la fabbrica intesse al contorno, sia alla peculiare situazione orografica del sito. È una successione percettiva di spazi – il lungo corpo dei servizi, l’alta galleria a doppia altezza e la sala polivalente – che costituisce un’alta quinta e racchiude quello che una volta era lo slargo-parcheggio del nuovo Tribunale.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)29-37
Numero di pagine9
RivistaE.JOURNAL
Volume17
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo