Il caso Du Bos e il paradigma dell'estetica

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il contributo evidenzia non solo il ruolo fondamentale di Jean-Bapiste Du Bos nel Settecento europeo, il secolo della “nascita dell’esteica”, ma ne sottolinea anche la sua virtuale incidenza nel dibattito contemporaneo. Il “caso Du Bos” è tale perché le sue Riflessioni hanno subito nella storiografia estetica una sorta di rimozione e considerato di conseguenza come un autore di “fini osservazioni” che tuttavia “non costituiscono un insieme sistematico” ma al massimo raggiungono una “sistematicità precaria”. Tale paradigma storiografico (basti ripensare le storie dell’estetica di Zimmerman, Menéndez y Pelayo, Bosanquet e Croce) ha dunque infelicemente marginalizzato le riflessioni di Du Bos: esse invece non solo sono fondamentali per la nascita dell’estetica ma mostrano una sorprendente attualità; i suoi temi – noia, emozione, piacere immediato, pathos, clima, natura – fanno delle Riflessioni un testo fondamentale per l’estetica odierna.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteJean-Baptiste Du Bos e l'estetica dello spettatore
Pagine213-222
Stato di pubblicazionePublished - 2005

Cita questo