Il campanile sull'abside della chiesa Madre di Caltagirone

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il saggio, attraverso l’individuazione e l’interpretazione di una copiosa documentazione archivistica, prova a formulare una ipotesi sulla possibile configurazione del campanile della chiesa Madre di Caltagirone ai primi decenni del Seicento e in particolare a seguito dell’intervento di consolidamento (ma forse anche di ammodernamento), condotto dallo scultore-architetto Giovan Domenico Gagini, in concomitanza del cantiere da questi diretto per l’ampliamento della chiesa madre calatina. Vengono così avanzate proposte riguardo ai possibili modelli compositivi e linguistici adottati, tra questi in primo luogo quelli offerti dai Libri di Sebastiano Serlio, provando al contempo a ricostruire il complesso intreccio di progetti, cantieri e protagonisti, tanto tecnici quanto committenti, che sembra saldare fra loro i centri principali dell’intero Val di Noto fra XVI e XVII secolo: Siracusa, Piazza Armerina, Noto, Caltagirone.
Lingua originaleEnglish
Titolo della pubblicazione ospiteL'abisde. Costruzione e geometrie - The apse. Construction and geometry
Pagine150-167
Numero di pagine18
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Serie di pubblicazioni

NomeTRACCIATI. STORIA E COSTRUZIONE NEL MEDITERRANEO

Cita questo

Vesco, M. (2015). Il campanile sull'abside della chiesa Madre di Caltagirone. In L'abisde. Costruzione e geometrie - The apse. Construction and geometry (pagg. 150-167). (TRACCIATI. STORIA E COSTRUZIONE NEL MEDITERRANEO).