Il benessere nei luoghi di lavoro: il ruolo dei fattori “di contenuto” e “di contesto”.

Francesco Pace, Valentina Lo Cascio, Alba Civilleri, Elena Foddai, Giacomo Aliberto

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Dal momento della fondazione dell’approccio della Psicologia Positiva e dei suoi obiettivi e metodi di ricerca si è sempre più rafforzato l’interesse, nel campo della Psicologia del Lavoro e delle organizzazioni, per la ricerca e lo studio di quei fattori psicologici in grado di rappresentare adeguatamente la condizione di benessere nei luoghi di lavoro (Schaufeli e Bakker, 2006). Ad esempio Luthans (2002) ha cercato di richiamare l’attenzione verso lo studio “delle risorse umane orientate positivamente, i punti di forza e le capacità psicologiche che possono essere misurate, sviluppate e gestite in modo efficace per migliorare le prestazioni nei luoghi di lavoro” (p. 698). Il presente studio vuole presentare i risultati della applicazione del Questionnaire on the Experience and Evaluation of Work (QEEW; Van Veldhoven e Meijman, 1994), uno strumento utile alla valutazione del benessere in ambito lavorativo che è ampiamente usato nel nord europa in riferimento al modello Job Demands-Resources (Bakker et al. 2010). Il QEEW consente di esplorare sia le richieste nel luogo di lavoro che le risorse cui gli individui possono ricorrere, esplorando sia aspetti di contenuto che di contesto, e proponendo una valutazione delle condizioni di benessere percepito dal lavoratore, attraverso scale quali coinvolgimento e piacere nel lavoro (Van Veldhoven e Broersen, 2003). Il questionario, nella sua forma italiana (Pace et al., 2010, 2011), è stato somministrato a più di 1300 lavoratori, i quali sono stati suddivisi in funzione dell’ambito professionale, del tipo di contratto e della natura della organizzazione cui appartenevano. I risultati mostrano come gli aspetti psicologici e sociali siano spesso più importanti, nella percezione del benessere, di quelli più tangibili quali le condizioni fisiche e/o la remunerazione.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine0
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo

@conference{d5a89f095ab64b668835be67817c9de4,
title = "Il benessere nei luoghi di lavoro: il ruolo dei fattori “di contenuto” e “di contesto”.",
abstract = "Dal momento della fondazione dell’approccio della Psicologia Positiva e dei suoi obiettivi e metodi di ricerca si {\`e} sempre pi{\`u} rafforzato l’interesse, nel campo della Psicologia del Lavoro e delle organizzazioni, per la ricerca e lo studio di quei fattori psicologici in grado di rappresentare adeguatamente la condizione di benessere nei luoghi di lavoro (Schaufeli e Bakker, 2006). Ad esempio Luthans (2002) ha cercato di richiamare l’attenzione verso lo studio “delle risorse umane orientate positivamente, i punti di forza e le capacit{\`a} psicologiche che possono essere misurate, sviluppate e gestite in modo efficace per migliorare le prestazioni nei luoghi di lavoro” (p. 698). Il presente studio vuole presentare i risultati della applicazione del Questionnaire on the Experience and Evaluation of Work (QEEW; Van Veldhoven e Meijman, 1994), uno strumento utile alla valutazione del benessere in ambito lavorativo che {\`e} ampiamente usato nel nord europa in riferimento al modello Job Demands-Resources (Bakker et al. 2010). Il QEEW consente di esplorare sia le richieste nel luogo di lavoro che le risorse cui gli individui possono ricorrere, esplorando sia aspetti di contenuto che di contesto, e proponendo una valutazione delle condizioni di benessere percepito dal lavoratore, attraverso scale quali coinvolgimento e piacere nel lavoro (Van Veldhoven e Broersen, 2003). Il questionario, nella sua forma italiana (Pace et al., 2010, 2011), {\`e} stato somministrato a pi{\`u} di 1300 lavoratori, i quali sono stati suddivisi in funzione dell’ambito professionale, del tipo di contratto e della natura della organizzazione cui appartenevano. I risultati mostrano come gli aspetti psicologici e sociali siano spesso pi{\`u} importanti, nella percezione del benessere, di quelli pi{\`u} tangibili quali le condizioni fisiche e/o la remunerazione.",
author = "Francesco Pace and {Lo Cascio}, Valentina and Alba Civilleri and Elena Foddai and Giacomo Aliberto",
year = "2011",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Il benessere nei luoghi di lavoro: il ruolo dei fattori “di contenuto” e “di contesto”.

AU - Pace, Francesco

AU - Lo Cascio, Valentina

AU - Civilleri, Alba

AU - Foddai, Elena

AU - Aliberto, Giacomo

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Dal momento della fondazione dell’approccio della Psicologia Positiva e dei suoi obiettivi e metodi di ricerca si è sempre più rafforzato l’interesse, nel campo della Psicologia del Lavoro e delle organizzazioni, per la ricerca e lo studio di quei fattori psicologici in grado di rappresentare adeguatamente la condizione di benessere nei luoghi di lavoro (Schaufeli e Bakker, 2006). Ad esempio Luthans (2002) ha cercato di richiamare l’attenzione verso lo studio “delle risorse umane orientate positivamente, i punti di forza e le capacità psicologiche che possono essere misurate, sviluppate e gestite in modo efficace per migliorare le prestazioni nei luoghi di lavoro” (p. 698). Il presente studio vuole presentare i risultati della applicazione del Questionnaire on the Experience and Evaluation of Work (QEEW; Van Veldhoven e Meijman, 1994), uno strumento utile alla valutazione del benessere in ambito lavorativo che è ampiamente usato nel nord europa in riferimento al modello Job Demands-Resources (Bakker et al. 2010). Il QEEW consente di esplorare sia le richieste nel luogo di lavoro che le risorse cui gli individui possono ricorrere, esplorando sia aspetti di contenuto che di contesto, e proponendo una valutazione delle condizioni di benessere percepito dal lavoratore, attraverso scale quali coinvolgimento e piacere nel lavoro (Van Veldhoven e Broersen, 2003). Il questionario, nella sua forma italiana (Pace et al., 2010, 2011), è stato somministrato a più di 1300 lavoratori, i quali sono stati suddivisi in funzione dell’ambito professionale, del tipo di contratto e della natura della organizzazione cui appartenevano. I risultati mostrano come gli aspetti psicologici e sociali siano spesso più importanti, nella percezione del benessere, di quelli più tangibili quali le condizioni fisiche e/o la remunerazione.

AB - Dal momento della fondazione dell’approccio della Psicologia Positiva e dei suoi obiettivi e metodi di ricerca si è sempre più rafforzato l’interesse, nel campo della Psicologia del Lavoro e delle organizzazioni, per la ricerca e lo studio di quei fattori psicologici in grado di rappresentare adeguatamente la condizione di benessere nei luoghi di lavoro (Schaufeli e Bakker, 2006). Ad esempio Luthans (2002) ha cercato di richiamare l’attenzione verso lo studio “delle risorse umane orientate positivamente, i punti di forza e le capacità psicologiche che possono essere misurate, sviluppate e gestite in modo efficace per migliorare le prestazioni nei luoghi di lavoro” (p. 698). Il presente studio vuole presentare i risultati della applicazione del Questionnaire on the Experience and Evaluation of Work (QEEW; Van Veldhoven e Meijman, 1994), uno strumento utile alla valutazione del benessere in ambito lavorativo che è ampiamente usato nel nord europa in riferimento al modello Job Demands-Resources (Bakker et al. 2010). Il QEEW consente di esplorare sia le richieste nel luogo di lavoro che le risorse cui gli individui possono ricorrere, esplorando sia aspetti di contenuto che di contesto, e proponendo una valutazione delle condizioni di benessere percepito dal lavoratore, attraverso scale quali coinvolgimento e piacere nel lavoro (Van Veldhoven e Broersen, 2003). Il questionario, nella sua forma italiana (Pace et al., 2010, 2011), è stato somministrato a più di 1300 lavoratori, i quali sono stati suddivisi in funzione dell’ambito professionale, del tipo di contratto e della natura della organizzazione cui appartenevano. I risultati mostrano come gli aspetti psicologici e sociali siano spesso più importanti, nella percezione del benessere, di quelli più tangibili quali le condizioni fisiche e/o la remunerazione.

UR - http://hdl.handle.net/10447/79763

M3 - Other

ER -