- Identità e alterità. Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego, Ornela Vorpsi, in Leggere la lontananza, a cura di S. Camilotti, I. Crotti, R. Ricorda, Edizioni Ca’ Foscari 2015

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

L’analisi parallela delle opere di quattro scrittrici della migrazione consente di individuare, nella singolarità delle scritture, una circolarità di discorso sui temi del viaggio e dello spaesamento, del racconto e della lingua..Il saggio mette in evidenza come lo «statuto relazionale dell’identità» viva in rapporto a quello dell’alterità e si configuri come un’identità multipla che si realizza in uno spazio mobile.Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego e Ornela Vorpsi illustra, con diversi esiti, la trasformazione del tema dell’esilio in quello della perenne erranza. Dalla loro esperienza della migrazione, dalla loro condizione nomade, emergono narrazioni inedite che gettano uno sguardo straniato sul mondo.Tra Italia ed Etiopia, tra Italia, Somalia e Albania e altre stazioni di transito si muovono personaggi da un mondo all’altro ciascuno mosso da dolorose motivazioni. E attraverso le loro peregrinazioni si disegnano tante mappe ibride in cui la lingua assume il ruolo di dimora vitale. Essa, attingendo dalla pratica dell’ascolto e dell’incontro, consegna i depositi della memoria insieme ai rilevamenti del presente.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLeggere la lontananza
Numero di pagine12
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

@inbook{72adc1ac700b4d5280450ffb67a2b838,
title = "- Identit{\`a} e alterit{\`a}. Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego, Ornela Vorpsi, in Leggere la lontananza, a cura di S. Camilotti, I. Crotti, R. Ricorda, Edizioni Ca’ Foscari 2015",
abstract = "L’analisi parallela delle opere di quattro scrittrici della migrazione consente di individuare, nella singolarit{\`a} delle scritture, una circolarit{\`a} di discorso sui temi del viaggio e dello spaesamento, del racconto e della lingua..Il saggio mette in evidenza come lo «statuto relazionale dell’identit{\`a}» viva in rapporto a quello dell’alterit{\`a} e si configuri come un’identit{\`a} multipla che si realizza in uno spazio mobile.Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego e Ornela Vorpsi illustra, con diversi esiti, la trasformazione del tema dell’esilio in quello della perenne erranza. Dalla loro esperienza della migrazione, dalla loro condizione nomade, emergono narrazioni inedite che gettano uno sguardo straniato sul mondo.Tra Italia ed Etiopia, tra Italia, Somalia e Albania e altre stazioni di transito si muovono personaggi da un mondo all’altro ciascuno mosso da dolorose motivazioni. E attraverso le loro peregrinazioni si disegnano tante mappe ibride in cui la lingua assume il ruolo di dimora vitale. Essa, attingendo dalla pratica dell’ascolto e dell’incontro, consegna i depositi della memoria insieme ai rilevamenti del presente.",
author = "Domenica Perrone",
year = "2015",
language = "Italian",
booktitle = "Leggere la lontananza",

}

TY - CHAP

T1 - - Identità e alterità. Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego, Ornela Vorpsi, in Leggere la lontananza, a cura di S. Camilotti, I. Crotti, R. Ricorda, Edizioni Ca’ Foscari 2015

AU - Perrone, Domenica

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - L’analisi parallela delle opere di quattro scrittrici della migrazione consente di individuare, nella singolarità delle scritture, una circolarità di discorso sui temi del viaggio e dello spaesamento, del racconto e della lingua..Il saggio mette in evidenza come lo «statuto relazionale dell’identità» viva in rapporto a quello dell’alterità e si configuri come un’identità multipla che si realizza in uno spazio mobile.Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego e Ornela Vorpsi illustra, con diversi esiti, la trasformazione del tema dell’esilio in quello della perenne erranza. Dalla loro esperienza della migrazione, dalla loro condizione nomade, emergono narrazioni inedite che gettano uno sguardo straniato sul mondo.Tra Italia ed Etiopia, tra Italia, Somalia e Albania e altre stazioni di transito si muovono personaggi da un mondo all’altro ciascuno mosso da dolorose motivazioni. E attraverso le loro peregrinazioni si disegnano tante mappe ibride in cui la lingua assume il ruolo di dimora vitale. Essa, attingendo dalla pratica dell’ascolto e dell’incontro, consegna i depositi della memoria insieme ai rilevamenti del presente.

AB - L’analisi parallela delle opere di quattro scrittrici della migrazione consente di individuare, nella singolarità delle scritture, una circolarità di discorso sui temi del viaggio e dello spaesamento, del racconto e della lingua..Il saggio mette in evidenza come lo «statuto relazionale dell’identità» viva in rapporto a quello dell’alterità e si configuri come un’identità multipla che si realizza in uno spazio mobile.Il lungo viaggio di Gabriella Ghermandi, Cristina Ali Farah, Igiaba Scego e Ornela Vorpsi illustra, con diversi esiti, la trasformazione del tema dell’esilio in quello della perenne erranza. Dalla loro esperienza della migrazione, dalla loro condizione nomade, emergono narrazioni inedite che gettano uno sguardo straniato sul mondo.Tra Italia ed Etiopia, tra Italia, Somalia e Albania e altre stazioni di transito si muovono personaggi da un mondo all’altro ciascuno mosso da dolorose motivazioni. E attraverso le loro peregrinazioni si disegnano tante mappe ibride in cui la lingua assume il ruolo di dimora vitale. Essa, attingendo dalla pratica dell’ascolto e dell’incontro, consegna i depositi della memoria insieme ai rilevamenti del presente.

UR - http://hdl.handle.net/10447/237303

M3 - Chapter

BT - Leggere la lontananza

ER -