I tamburi a cornice in Sicilia

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Le prime attestazioni della presenza del tamburo a cornice in Sicilia risalgono al V secolo a.C. Lo strumento è poi documentato fino ai giorni nostri attraverso raffigu¬razioni, documenti d’archivio, resoconti di viaggiatori stranieri, testi di interesse folklorico e, piuttosto ampiamente, dalla ricerca etnomusicologica moderna, per mezzo di audio-registrazioni e videofilmati. Morfologia, tecniche esecutive, repertori, decorazioni, contesto d’uso dei tamburelli in Sicilia si inscrivono nel più ampio quadro dell’area italiana (centro-meridionale) e mediterranea, ma con alcune specificità, soprattutto nelle tecniche esecutive. Queste, sebbene affini a quelle impiegate in altre regioni italiane, se ne discostano per certi tratti peculiari, riconnettendo segmenti della storia dello stru¬mento a percorsi riconducibili al mondo arabo-islamico.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)83-112
Numero di pagine30
RivistaARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo