I polimorfismi del gene VDR FokI e BsmI non sembrano essere associati all’ipertensione arteriosa

Mulè, G.

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Scopo. Il nostro obiettivo è stato quello di analizzare la relazione tra livelli plasmatici di vitamina D (VitD) e valori di pressione arteriosa clinica ed ambulatoria in ipertesi essenziali e di identificare un’eventuale associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi del gene VDR, FokI e BsmI. Materiali e metodi. Abbiamo arruolato 71 ipertesi essenziali e 72 controlli di età compresa fra 18 e 75 anni. Nei pazienti sono stati valutati: pressione arteriosa clinica, monitoraggio ambulatorio della pressione arteriosa delle 24 ore, parametri antropometrici, indagini bioumorali di routine e livelli plasmatici di VitD con metodica HPLC. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a tipizzazione dei polimorfismi del VDR FokI e BsmI mediante PCR-RFLP. Risultati. Abbiamo osservato una correlazione negativa statisticamente significativa (r=-0.277, p=0.043) tra VitD e pressione arteriosa sistolica media delle 24 ore (PAS24h) nei 71 ipertesi. Tale correlazione persisteva all’analisi di regressione multipla stepwise, considerando come variabile dipendente la PAS24h (β=-0.337; p=0.022) ed includendo nel modello statistico VitD, età, genere, body mass index (BMI) e filtrato glomerulare stimato mediante equazione MDRD (eGFR MDRD). BMI (β=0.290; p=0.037) e eGFR MDRD (β=-0.301; p=0.038) erano, inoltre, predittori indipendenti della PAS24h. Abbiamo comparato i parametri antropometrici, clinici e bioumorali dei pazienti con differenti genotipi FokI and BsmI ed abbiamo osservato una differenza statisticamente significativa solo tra i valori di pressione arteriosa diastolica (PAD) clinica dei soggetti con differente genotipo FokI (p=0.018). In particolare, abbiamo evidenziato valori di PAD clinica maggiori nei pazienti con genotipo ff rispetto ai soggetti con genotipo Ff (p=0.002). Abbiamo, inoltre, comparato le frequenze alleliche e la distribuzione genotipica tra casi e controlli, senza individuare alcuna associazione fra particolari genotipi o determinati alleli e l’ipertensione. Conclusioni. I nostri risultati pertanto confermano la relazione esistente fra VitD e valori pressori negli ipertesi essenziali, ma sembrano escludere un’associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi Fok I e BsmI del VDR.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo

@conference{8e104854579e4c29ab5f6c8010ae16c5,
title = "I polimorfismi del gene VDR FokI e BsmI non sembrano essere associati all’ipertensione arteriosa",
abstract = "Scopo. Il nostro obiettivo {\`e} stato quello di analizzare la relazione tra livelli plasmatici di vitamina D (VitD) e valori di pressione arteriosa clinica ed ambulatoria in ipertesi essenziali e di identificare un’eventuale associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi del gene VDR, FokI e BsmI. Materiali e metodi. Abbiamo arruolato 71 ipertesi essenziali e 72 controlli di et{\`a} compresa fra 18 e 75 anni. Nei pazienti sono stati valutati: pressione arteriosa clinica, monitoraggio ambulatorio della pressione arteriosa delle 24 ore, parametri antropometrici, indagini bioumorali di routine e livelli plasmatici di VitD con metodica HPLC. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a tipizzazione dei polimorfismi del VDR FokI e BsmI mediante PCR-RFLP. Risultati. Abbiamo osservato una correlazione negativa statisticamente significativa (r=-0.277, p=0.043) tra VitD e pressione arteriosa sistolica media delle 24 ore (PAS24h) nei 71 ipertesi. Tale correlazione persisteva all’analisi di regressione multipla stepwise, considerando come variabile dipendente la PAS24h (β=-0.337; p=0.022) ed includendo nel modello statistico VitD, et{\`a}, genere, body mass index (BMI) e filtrato glomerulare stimato mediante equazione MDRD (eGFR MDRD). BMI (β=0.290; p=0.037) e eGFR MDRD (β=-0.301; p=0.038) erano, inoltre, predittori indipendenti della PAS24h. Abbiamo comparato i parametri antropometrici, clinici e bioumorali dei pazienti con differenti genotipi FokI and BsmI ed abbiamo osservato una differenza statisticamente significativa solo tra i valori di pressione arteriosa diastolica (PAD) clinica dei soggetti con differente genotipo FokI (p=0.018). In particolare, abbiamo evidenziato valori di PAD clinica maggiori nei pazienti con genotipo ff rispetto ai soggetti con genotipo Ff (p=0.002). Abbiamo, inoltre, comparato le frequenze alleliche e la distribuzione genotipica tra casi e controlli, senza individuare alcuna associazione fra particolari genotipi o determinati alleli e l’ipertensione. Conclusioni. I nostri risultati pertanto confermano la relazione esistente fra VitD e valori pressori negli ipertesi essenziali, ma sembrano escludere un’associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi Fok I e BsmI del VDR.",
author = "{Mul{\`e}, G.} and Santina Cottone and Giuseppe Mule' and Rosalia Arsena and Francesca Tornese and Laura Guarino and Chiara Guglielmo",
year = "2014",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - I polimorfismi del gene VDR FokI e BsmI non sembrano essere associati all’ipertensione arteriosa

AU - Mulè, G.

AU - Cottone, Santina

AU - Mule', Giuseppe

AU - Arsena, Rosalia

AU - Tornese, Francesca

AU - Guarino, Laura

AU - Guglielmo, Chiara

PY - 2014

Y1 - 2014

N2 - Scopo. Il nostro obiettivo è stato quello di analizzare la relazione tra livelli plasmatici di vitamina D (VitD) e valori di pressione arteriosa clinica ed ambulatoria in ipertesi essenziali e di identificare un’eventuale associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi del gene VDR, FokI e BsmI. Materiali e metodi. Abbiamo arruolato 71 ipertesi essenziali e 72 controlli di età compresa fra 18 e 75 anni. Nei pazienti sono stati valutati: pressione arteriosa clinica, monitoraggio ambulatorio della pressione arteriosa delle 24 ore, parametri antropometrici, indagini bioumorali di routine e livelli plasmatici di VitD con metodica HPLC. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a tipizzazione dei polimorfismi del VDR FokI e BsmI mediante PCR-RFLP. Risultati. Abbiamo osservato una correlazione negativa statisticamente significativa (r=-0.277, p=0.043) tra VitD e pressione arteriosa sistolica media delle 24 ore (PAS24h) nei 71 ipertesi. Tale correlazione persisteva all’analisi di regressione multipla stepwise, considerando come variabile dipendente la PAS24h (β=-0.337; p=0.022) ed includendo nel modello statistico VitD, età, genere, body mass index (BMI) e filtrato glomerulare stimato mediante equazione MDRD (eGFR MDRD). BMI (β=0.290; p=0.037) e eGFR MDRD (β=-0.301; p=0.038) erano, inoltre, predittori indipendenti della PAS24h. Abbiamo comparato i parametri antropometrici, clinici e bioumorali dei pazienti con differenti genotipi FokI and BsmI ed abbiamo osservato una differenza statisticamente significativa solo tra i valori di pressione arteriosa diastolica (PAD) clinica dei soggetti con differente genotipo FokI (p=0.018). In particolare, abbiamo evidenziato valori di PAD clinica maggiori nei pazienti con genotipo ff rispetto ai soggetti con genotipo Ff (p=0.002). Abbiamo, inoltre, comparato le frequenze alleliche e la distribuzione genotipica tra casi e controlli, senza individuare alcuna associazione fra particolari genotipi o determinati alleli e l’ipertensione. Conclusioni. I nostri risultati pertanto confermano la relazione esistente fra VitD e valori pressori negli ipertesi essenziali, ma sembrano escludere un’associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi Fok I e BsmI del VDR.

AB - Scopo. Il nostro obiettivo è stato quello di analizzare la relazione tra livelli plasmatici di vitamina D (VitD) e valori di pressione arteriosa clinica ed ambulatoria in ipertesi essenziali e di identificare un’eventuale associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi del gene VDR, FokI e BsmI. Materiali e metodi. Abbiamo arruolato 71 ipertesi essenziali e 72 controlli di età compresa fra 18 e 75 anni. Nei pazienti sono stati valutati: pressione arteriosa clinica, monitoraggio ambulatorio della pressione arteriosa delle 24 ore, parametri antropometrici, indagini bioumorali di routine e livelli plasmatici di VitD con metodica HPLC. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a tipizzazione dei polimorfismi del VDR FokI e BsmI mediante PCR-RFLP. Risultati. Abbiamo osservato una correlazione negativa statisticamente significativa (r=-0.277, p=0.043) tra VitD e pressione arteriosa sistolica media delle 24 ore (PAS24h) nei 71 ipertesi. Tale correlazione persisteva all’analisi di regressione multipla stepwise, considerando come variabile dipendente la PAS24h (β=-0.337; p=0.022) ed includendo nel modello statistico VitD, età, genere, body mass index (BMI) e filtrato glomerulare stimato mediante equazione MDRD (eGFR MDRD). BMI (β=0.290; p=0.037) e eGFR MDRD (β=-0.301; p=0.038) erano, inoltre, predittori indipendenti della PAS24h. Abbiamo comparato i parametri antropometrici, clinici e bioumorali dei pazienti con differenti genotipi FokI and BsmI ed abbiamo osservato una differenza statisticamente significativa solo tra i valori di pressione arteriosa diastolica (PAD) clinica dei soggetti con differente genotipo FokI (p=0.018). In particolare, abbiamo evidenziato valori di PAD clinica maggiori nei pazienti con genotipo ff rispetto ai soggetti con genotipo Ff (p=0.002). Abbiamo, inoltre, comparato le frequenze alleliche e la distribuzione genotipica tra casi e controlli, senza individuare alcuna associazione fra particolari genotipi o determinati alleli e l’ipertensione. Conclusioni. I nostri risultati pertanto confermano la relazione esistente fra VitD e valori pressori negli ipertesi essenziali, ma sembrano escludere un’associazione fra l’ipertensione e i polimorfismi Fok I e BsmI del VDR.

UR - http://hdl.handle.net/10447/138638

M3 - Paper

ER -