I Lidi di Mortelle (1955-58), architettura e costruzione di un paesaggio balneare negli anni 50 a Messina: un restauro possibile

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il Lido di Mortelle, opera di Filippo Rovigo (1909-1984), e il Lido del Tirreno, di Napoleone Cutrufelli (1909-1997)1 , sorgono a poca distanza da capo Peloro e dai laghi di Ganzirri tra il 1955 ed il 1958. L’interesse per due progetti di autori diversi, a loro volta complessi e difficilmente identificabili come singoli edifici, nasce dal riconoscimento critico nella loro contiguità di una città lineare, forma tipica della città balneare, qui molto accentuata perché lo spazio è compresso tra le colline Peloritane e la costa. Due approcci che si integrano vedono da un lato la scelta di trattare l’insieme come se si trattasse di un unico oggetto, dall’altro il riconoscimento delle parti che lo compongono, dell’individualità dei loro valori e principi, e di una gerarchia che condiziona le singole risposte progettuali. Il piano ha preso dunque forma come una rete che incrocia interventi continui ed interventi puntuali, per ricucire gli edifici degli anni Cinquanta al paesaggio ed all’uso contemporanei.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl restauro del Moderno in Italia e in Europa
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo

@inbook{8f4f88765e444f4b85afb9908ffd623f,
title = "I Lidi di Mortelle (1955-58), architettura e costruzione di un paesaggio balneare negli anni 50 a Messina: un restauro possibile",
abstract = "Il Lido di Mortelle, opera di Filippo Rovigo (1909-1984), e il Lido del Tirreno, di Napoleone Cutrufelli (1909-1997)1 , sorgono a poca distanza da capo Peloro e dai laghi di Ganzirri tra il 1955 ed il 1958. L’interesse per due progetti di autori diversi, a loro volta complessi e difficilmente identificabili come singoli edifici, nasce dal riconoscimento critico nella loro contiguit{\`a} di una citt{\`a} lineare, forma tipica della citt{\`a} balneare, qui molto accentuata perch{\'e} lo spazio {\`e} compresso tra le colline Peloritane e la costa. Due approcci che si integrano vedono da un lato la scelta di trattare l’insieme come se si trattasse di un unico oggetto, dall’altro il riconoscimento delle parti che lo compongono, dell’individualit{\`a} dei loro valori e principi, e di una gerarchia che condiziona le singole risposte progettuali. Il piano ha preso dunque forma come una rete che incrocia interventi continui ed interventi puntuali, per ricucire gli edifici degli anni Cinquanta al paesaggio ed all’uso contemporanei.",
author = "Isabella Fera",
year = "2011",
language = "Italian",
isbn = "9788856870978",
booktitle = "Il restauro del Moderno in Italia e in Europa",

}

TY - CHAP

T1 - I Lidi di Mortelle (1955-58), architettura e costruzione di un paesaggio balneare negli anni 50 a Messina: un restauro possibile

AU - Fera, Isabella

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Il Lido di Mortelle, opera di Filippo Rovigo (1909-1984), e il Lido del Tirreno, di Napoleone Cutrufelli (1909-1997)1 , sorgono a poca distanza da capo Peloro e dai laghi di Ganzirri tra il 1955 ed il 1958. L’interesse per due progetti di autori diversi, a loro volta complessi e difficilmente identificabili come singoli edifici, nasce dal riconoscimento critico nella loro contiguità di una città lineare, forma tipica della città balneare, qui molto accentuata perché lo spazio è compresso tra le colline Peloritane e la costa. Due approcci che si integrano vedono da un lato la scelta di trattare l’insieme come se si trattasse di un unico oggetto, dall’altro il riconoscimento delle parti che lo compongono, dell’individualità dei loro valori e principi, e di una gerarchia che condiziona le singole risposte progettuali. Il piano ha preso dunque forma come una rete che incrocia interventi continui ed interventi puntuali, per ricucire gli edifici degli anni Cinquanta al paesaggio ed all’uso contemporanei.

AB - Il Lido di Mortelle, opera di Filippo Rovigo (1909-1984), e il Lido del Tirreno, di Napoleone Cutrufelli (1909-1997)1 , sorgono a poca distanza da capo Peloro e dai laghi di Ganzirri tra il 1955 ed il 1958. L’interesse per due progetti di autori diversi, a loro volta complessi e difficilmente identificabili come singoli edifici, nasce dal riconoscimento critico nella loro contiguità di una città lineare, forma tipica della città balneare, qui molto accentuata perché lo spazio è compresso tra le colline Peloritane e la costa. Due approcci che si integrano vedono da un lato la scelta di trattare l’insieme come se si trattasse di un unico oggetto, dall’altro il riconoscimento delle parti che lo compongono, dell’individualità dei loro valori e principi, e di una gerarchia che condiziona le singole risposte progettuali. Il piano ha preso dunque forma come una rete che incrocia interventi continui ed interventi puntuali, per ricucire gli edifici degli anni Cinquanta al paesaggio ed all’uso contemporanei.

UR - http://hdl.handle.net/10447/110310

M3 - Chapter

SN - 9788856870978

BT - Il restauro del Moderno in Italia e in Europa

ER -