I giardini della memoria ai caduti nei centri delle Madonie e delle aree limitrofe

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Il 4 novembre 1921 fu deposta, con tutti gli onori, la salma di un milite ignoto nell’Altare della Patria del Vittoriano di Roma, a perenne memoria per i posteri dell’eroico sacrificio compiuto per la salvezza della Patria. Da quel momento, in ogni piazza italiana sorsero monumenti e lapidi dedicate ai Caduti. Sui luoghi del conflitto, inizia una sistematica opera di bonifica dei numerosi cimiteri di guerra a ridosso delle trincee e nei paesi delle retrovie e, allo scopo di onorare milioni di soldati caduti, furono realizzati in quasi tutte le nazioni coinvolte dal conflitto, diverse forme e luoghi di commemorazione (Cimiteri e Sacrari, Parchi della Rimembranza, Boschi degli Eroi) accomunati dalla forte presenza di elementi simbolici della liturgia civile del Milite Ignoto. Questi monumenti si presentano come delle vere e proprie architetture vegetali, perché le piante quasi sempre presenti, sono parte strutturale del monumento stesso, che quindi esistevano nel pensiero di chi lo ha progettato, e non un semplice corredo ornamentale. A partire da queste considerazioni, è stato effettuato un censimento dei Giardini della Memoria ai Caduti nel territorio delle Madonie delle aree limitrofe, ponendo particolare attenzione alle relazioni esistenti tra monumenti e luoghi.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@conference{28ca34969e494231a3b841355b1cfc82,
title = "I giardini della memoria ai caduti nei centri delle Madonie e delle aree limitrofe",
abstract = "Il 4 novembre 1921 fu deposta, con tutti gli onori, la salma di un milite ignoto nell’Altare della Patria del Vittoriano di Roma, a perenne memoria per i posteri dell’eroico sacrificio compiuto per la salvezza della Patria. Da quel momento, in ogni piazza italiana sorsero monumenti e lapidi dedicate ai Caduti. Sui luoghi del conflitto, inizia una sistematica opera di bonifica dei numerosi cimiteri di guerra a ridosso delle trincee e nei paesi delle retrovie e, allo scopo di onorare milioni di soldati caduti, furono realizzati in quasi tutte le nazioni coinvolte dal conflitto, diverse forme e luoghi di commemorazione (Cimiteri e Sacrari, Parchi della Rimembranza, Boschi degli Eroi) accomunati dalla forte presenza di elementi simbolici della liturgia civile del Milite Ignoto. Questi monumenti si presentano come delle vere e proprie architetture vegetali, perch{\'e} le piante quasi sempre presenti, sono parte strutturale del monumento stesso, che quindi esistevano nel pensiero di chi lo ha progettato, e non un semplice corredo ornamentale. A partire da queste considerazioni, {\`e} stato effettuato un censimento dei Giardini della Memoria ai Caduti nel territorio delle Madonie delle aree limitrofe, ponendo particolare attenzione alle relazioni esistenti tra monumenti e luoghi.",
author = "Pietro Mazzola and Giuseppe Bazan and Luca Raimondo",
year = "2012",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - I giardini della memoria ai caduti nei centri delle Madonie e delle aree limitrofe

AU - Mazzola, Pietro

AU - Bazan, Giuseppe

AU - Raimondo, Luca

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - Il 4 novembre 1921 fu deposta, con tutti gli onori, la salma di un milite ignoto nell’Altare della Patria del Vittoriano di Roma, a perenne memoria per i posteri dell’eroico sacrificio compiuto per la salvezza della Patria. Da quel momento, in ogni piazza italiana sorsero monumenti e lapidi dedicate ai Caduti. Sui luoghi del conflitto, inizia una sistematica opera di bonifica dei numerosi cimiteri di guerra a ridosso delle trincee e nei paesi delle retrovie e, allo scopo di onorare milioni di soldati caduti, furono realizzati in quasi tutte le nazioni coinvolte dal conflitto, diverse forme e luoghi di commemorazione (Cimiteri e Sacrari, Parchi della Rimembranza, Boschi degli Eroi) accomunati dalla forte presenza di elementi simbolici della liturgia civile del Milite Ignoto. Questi monumenti si presentano come delle vere e proprie architetture vegetali, perché le piante quasi sempre presenti, sono parte strutturale del monumento stesso, che quindi esistevano nel pensiero di chi lo ha progettato, e non un semplice corredo ornamentale. A partire da queste considerazioni, è stato effettuato un censimento dei Giardini della Memoria ai Caduti nel territorio delle Madonie delle aree limitrofe, ponendo particolare attenzione alle relazioni esistenti tra monumenti e luoghi.

AB - Il 4 novembre 1921 fu deposta, con tutti gli onori, la salma di un milite ignoto nell’Altare della Patria del Vittoriano di Roma, a perenne memoria per i posteri dell’eroico sacrificio compiuto per la salvezza della Patria. Da quel momento, in ogni piazza italiana sorsero monumenti e lapidi dedicate ai Caduti. Sui luoghi del conflitto, inizia una sistematica opera di bonifica dei numerosi cimiteri di guerra a ridosso delle trincee e nei paesi delle retrovie e, allo scopo di onorare milioni di soldati caduti, furono realizzati in quasi tutte le nazioni coinvolte dal conflitto, diverse forme e luoghi di commemorazione (Cimiteri e Sacrari, Parchi della Rimembranza, Boschi degli Eroi) accomunati dalla forte presenza di elementi simbolici della liturgia civile del Milite Ignoto. Questi monumenti si presentano come delle vere e proprie architetture vegetali, perché le piante quasi sempre presenti, sono parte strutturale del monumento stesso, che quindi esistevano nel pensiero di chi lo ha progettato, e non un semplice corredo ornamentale. A partire da queste considerazioni, è stato effettuato un censimento dei Giardini della Memoria ai Caduti nel territorio delle Madonie delle aree limitrofe, ponendo particolare attenzione alle relazioni esistenti tra monumenti e luoghi.

UR - http://hdl.handle.net/10447/132160

M3 - Paper

ER -