I dispositivi fototestuali autobiografici. Retoriche e verità

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il caso dei fototesti autobiografici va analizzato innanzitutto come una scrittura autobiografica che sente la necessità di esprimersi anche con altri mezzi; in secondo luogo come una specifica pratica retorica che sceglie l’immagine, accanto alla parola, come ulteriore forza persuasiva; infine come un caso molto particolare di iconotesti, che utilizzano alcune varietà della connessione tra parte verbale e parte visiva.Si tratta di analizzare non solo come avviene la collaborazione tra fotografie e scrittura autobiografica, cioè attraverso quali connettori – cornici, spazi bianchi, sovrapposizioni e didascalie – ma anche di capire quali sono le funzioni delle fotografie in relazione alla parte letteraria. Ciò al fine di capire quale verità viene affermata negli esempi scelti: Franca Valeri, Grégoire Bouillier, Roland Barthes, Winfried G. Sebald, Lalla Romano, Jovanotti, Edward Said, Azar Nafisi, Vladimir Nabokov, André Breton, Hannah Höch, Annie Ernaux.Le fotografie espongono, confermano, aggiungono o resistono alla verità già espressa dalla parte letteraria? E se il racconto letterario esprime la verità e le resistenze alla verità del sé dell’autore, le foto a cosa resistono mentre mostrano?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)1-37
Numero di pagine37
RivistaBETWEEN
Volumevol. 4, n.7
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo

I dispositivi fototestuali autobiografici. Retoriche e verità. / Coglitore, Roberta.

In: BETWEEN, Vol. vol. 4, n.7, 2014, pag. 1-37.

Risultato della ricerca: Article

@article{9dfbfeb48bcd40b8a96fa0cdcdbf6a52,
title = "I dispositivi fototestuali autobiografici. Retoriche e verit{\`a}",
abstract = "Il caso dei fototesti autobiografici va analizzato innanzitutto come una scrittura autobiografica che sente la necessit{\`a} di esprimersi anche con altri mezzi; in secondo luogo come una specifica pratica retorica che sceglie l’immagine, accanto alla parola, come ulteriore forza persuasiva; infine come un caso molto particolare di iconotesti, che utilizzano alcune variet{\`a} della connessione tra parte verbale e parte visiva.Si tratta di analizzare non solo come avviene la collaborazione tra fotografie e scrittura autobiografica, cio{\`e} attraverso quali connettori – cornici, spazi bianchi, sovrapposizioni e didascalie – ma anche di capire quali sono le funzioni delle fotografie in relazione alla parte letteraria. Ci{\`o} al fine di capire quale verit{\`a} viene affermata negli esempi scelti: Franca Valeri, Gr{\'e}goire Bouillier, Roland Barthes, Winfried G. Sebald, Lalla Romano, Jovanotti, Edward Said, Azar Nafisi, Vladimir Nabokov, Andr{\'e} Breton, Hannah H{\"o}ch, Annie Ernaux.Le fotografie espongono, confermano, aggiungono o resistono alla verit{\`a} gi{\`a} espressa dalla parte letteraria? E se il racconto letterario esprime la verit{\`a} e le resistenze alla verit{\`a} del s{\'e} dell’autore, le foto a cosa resistono mentre mostrano?",
author = "Roberta Coglitore",
year = "2014",
language = "Italian",
volume = "vol. 4, n.7",
pages = "1--37",
journal = "BETWEEN",
issn = "2039-6597",

}

TY - JOUR

T1 - I dispositivi fototestuali autobiografici. Retoriche e verità

AU - Coglitore, Roberta

PY - 2014

Y1 - 2014

N2 - Il caso dei fototesti autobiografici va analizzato innanzitutto come una scrittura autobiografica che sente la necessità di esprimersi anche con altri mezzi; in secondo luogo come una specifica pratica retorica che sceglie l’immagine, accanto alla parola, come ulteriore forza persuasiva; infine come un caso molto particolare di iconotesti, che utilizzano alcune varietà della connessione tra parte verbale e parte visiva.Si tratta di analizzare non solo come avviene la collaborazione tra fotografie e scrittura autobiografica, cioè attraverso quali connettori – cornici, spazi bianchi, sovrapposizioni e didascalie – ma anche di capire quali sono le funzioni delle fotografie in relazione alla parte letteraria. Ciò al fine di capire quale verità viene affermata negli esempi scelti: Franca Valeri, Grégoire Bouillier, Roland Barthes, Winfried G. Sebald, Lalla Romano, Jovanotti, Edward Said, Azar Nafisi, Vladimir Nabokov, André Breton, Hannah Höch, Annie Ernaux.Le fotografie espongono, confermano, aggiungono o resistono alla verità già espressa dalla parte letteraria? E se il racconto letterario esprime la verità e le resistenze alla verità del sé dell’autore, le foto a cosa resistono mentre mostrano?

AB - Il caso dei fototesti autobiografici va analizzato innanzitutto come una scrittura autobiografica che sente la necessità di esprimersi anche con altri mezzi; in secondo luogo come una specifica pratica retorica che sceglie l’immagine, accanto alla parola, come ulteriore forza persuasiva; infine come un caso molto particolare di iconotesti, che utilizzano alcune varietà della connessione tra parte verbale e parte visiva.Si tratta di analizzare non solo come avviene la collaborazione tra fotografie e scrittura autobiografica, cioè attraverso quali connettori – cornici, spazi bianchi, sovrapposizioni e didascalie – ma anche di capire quali sono le funzioni delle fotografie in relazione alla parte letteraria. Ciò al fine di capire quale verità viene affermata negli esempi scelti: Franca Valeri, Grégoire Bouillier, Roland Barthes, Winfried G. Sebald, Lalla Romano, Jovanotti, Edward Said, Azar Nafisi, Vladimir Nabokov, André Breton, Hannah Höch, Annie Ernaux.Le fotografie espongono, confermano, aggiungono o resistono alla verità già espressa dalla parte letteraria? E se il racconto letterario esprime la verità e le resistenze alla verità del sé dell’autore, le foto a cosa resistono mentre mostrano?

UR - http://hdl.handle.net/10447/94385

M3 - Article

VL - vol. 4, n.7

SP - 1

EP - 37

JO - BETWEEN

JF - BETWEEN

SN - 2039-6597

ER -