Héroes mìticos y héroes fundadores en la Sicilia griega

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

L'analisi, che offre una panoramica generale sugli eroi fondatori greci attestati nella Sicilia di età arcaica, è articolata in due parti. Nella prima sezione sono prese in esame le tradizioni di stampo mitologico che fanno risalire alle presenze degli eroi cosiddetti "viaggiatori" l'identità etnica o culturale delle popolazioni indigene incontrate nell'isola dai colonizzatori greci di età storica. Ci si sofferma in particolare sulle tradizioni relative ad Enea e ai suoi compagni troiani che avrebbero dato origine alla popolazione degli Elimi; sui racconti leggendari relativi a Dedalo, cui erano attribuite le prime opere artistiche e architettoniche di stampo greco prodotte nell'isola a tutto vantaggio delle popolazioni sicane; e infine sulle tradizioni su Eracle, che nell'immaginario greco svolgeva le funzioni di eroe civilizzatore per eccellenza delle genti locali, secondo una chiave di lettura particolare che prefigurava attraverso il modello mitico degli lotte tra Eracle e gli eroi locali i fenomeni di "acculturazione" che erano considerati alla base delle complesse relazioni tra greci e non greci in età coloniale. Nella seconda parte del lavoro si concentra l'attenzione sui culti eroici dedicati agli ecisti che avevano guidato le spedizioni coloniali nell'isola dando origine alle nuove poleis siciliane. Nel novero degli ecisti rientrano anche alcuni tiranni di età arcaica, come Ippocrate, Gelone e Ierone, che rifondarono diverse colonie della Sicilia orientale allo scopo di ricevere prestigiosi culti eroici post mortem, funzionali anche a legittimare il loro potere assoluto.
Lingua originaleSpanish
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

Héroes mìticos y héroes fundadores en la Sicilia griega. / Sammartano, Roberto.

8 pag. 2016, .

Risultato della ricerca: Other contribution

@misc{57171844dd9741ef8c03114c766b7dd8,
title = "H{\'e}roes m{\`i}ticos y h{\'e}roes fundadores en la Sicilia griega",
abstract = "L'analisi, che offre una panoramica generale sugli eroi fondatori greci attestati nella Sicilia di et{\`a} arcaica, {\`e} articolata in due parti. Nella prima sezione sono prese in esame le tradizioni di stampo mitologico che fanno risalire alle presenze degli eroi cosiddetti {"}viaggiatori{"} l'identit{\`a} etnica o culturale delle popolazioni indigene incontrate nell'isola dai colonizzatori greci di et{\`a} storica. Ci si sofferma in particolare sulle tradizioni relative ad Enea e ai suoi compagni troiani che avrebbero dato origine alla popolazione degli Elimi; sui racconti leggendari relativi a Dedalo, cui erano attribuite le prime opere artistiche e architettoniche di stampo greco prodotte nell'isola a tutto vantaggio delle popolazioni sicane; e infine sulle tradizioni su Eracle, che nell'immaginario greco svolgeva le funzioni di eroe civilizzatore per eccellenza delle genti locali, secondo una chiave di lettura particolare che prefigurava attraverso il modello mitico degli lotte tra Eracle e gli eroi locali i fenomeni di {"}acculturazione{"} che erano considerati alla base delle complesse relazioni tra greci e non greci in et{\`a} coloniale. Nella seconda parte del lavoro si concentra l'attenzione sui culti eroici dedicati agli ecisti che avevano guidato le spedizioni coloniali nell'isola dando origine alle nuove poleis siciliane. Nel novero degli ecisti rientrano anche alcuni tiranni di et{\`a} arcaica, come Ippocrate, Gelone e Ierone, che rifondarono diverse colonie della Sicilia orientale allo scopo di ricevere prestigiosi culti eroici post mortem, funzionali anche a legittimare il loro potere assoluto.",
author = "Roberto Sammartano",
year = "2016",
language = "Spanish",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Héroes mìticos y héroes fundadores en la Sicilia griega

AU - Sammartano, Roberto

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - L'analisi, che offre una panoramica generale sugli eroi fondatori greci attestati nella Sicilia di età arcaica, è articolata in due parti. Nella prima sezione sono prese in esame le tradizioni di stampo mitologico che fanno risalire alle presenze degli eroi cosiddetti "viaggiatori" l'identità etnica o culturale delle popolazioni indigene incontrate nell'isola dai colonizzatori greci di età storica. Ci si sofferma in particolare sulle tradizioni relative ad Enea e ai suoi compagni troiani che avrebbero dato origine alla popolazione degli Elimi; sui racconti leggendari relativi a Dedalo, cui erano attribuite le prime opere artistiche e architettoniche di stampo greco prodotte nell'isola a tutto vantaggio delle popolazioni sicane; e infine sulle tradizioni su Eracle, che nell'immaginario greco svolgeva le funzioni di eroe civilizzatore per eccellenza delle genti locali, secondo una chiave di lettura particolare che prefigurava attraverso il modello mitico degli lotte tra Eracle e gli eroi locali i fenomeni di "acculturazione" che erano considerati alla base delle complesse relazioni tra greci e non greci in età coloniale. Nella seconda parte del lavoro si concentra l'attenzione sui culti eroici dedicati agli ecisti che avevano guidato le spedizioni coloniali nell'isola dando origine alle nuove poleis siciliane. Nel novero degli ecisti rientrano anche alcuni tiranni di età arcaica, come Ippocrate, Gelone e Ierone, che rifondarono diverse colonie della Sicilia orientale allo scopo di ricevere prestigiosi culti eroici post mortem, funzionali anche a legittimare il loro potere assoluto.

AB - L'analisi, che offre una panoramica generale sugli eroi fondatori greci attestati nella Sicilia di età arcaica, è articolata in due parti. Nella prima sezione sono prese in esame le tradizioni di stampo mitologico che fanno risalire alle presenze degli eroi cosiddetti "viaggiatori" l'identità etnica o culturale delle popolazioni indigene incontrate nell'isola dai colonizzatori greci di età storica. Ci si sofferma in particolare sulle tradizioni relative ad Enea e ai suoi compagni troiani che avrebbero dato origine alla popolazione degli Elimi; sui racconti leggendari relativi a Dedalo, cui erano attribuite le prime opere artistiche e architettoniche di stampo greco prodotte nell'isola a tutto vantaggio delle popolazioni sicane; e infine sulle tradizioni su Eracle, che nell'immaginario greco svolgeva le funzioni di eroe civilizzatore per eccellenza delle genti locali, secondo una chiave di lettura particolare che prefigurava attraverso il modello mitico degli lotte tra Eracle e gli eroi locali i fenomeni di "acculturazione" che erano considerati alla base delle complesse relazioni tra greci e non greci in età coloniale. Nella seconda parte del lavoro si concentra l'attenzione sui culti eroici dedicati agli ecisti che avevano guidato le spedizioni coloniali nell'isola dando origine alle nuove poleis siciliane. Nel novero degli ecisti rientrano anche alcuni tiranni di età arcaica, come Ippocrate, Gelone e Ierone, che rifondarono diverse colonie della Sicilia orientale allo scopo di ricevere prestigiosi culti eroici post mortem, funzionali anche a legittimare il loro potere assoluto.

UR - http://hdl.handle.net/10447/219784

M3 - Other contribution

ER -