Gruppo come spazio di transito e non luoghi

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Nel lavoro viene descritto il concetto di non luogo, elaborato da M. Augé, in riferimento ad una esperienza di gruppo condotta con pazienti stanieri. Il non luogo, come spazio anonimo di transito, si pensi agli aeroporti, rappresenta bene la condizione sospesa del migrante. Attraverso la condivisione di vissuti di deterritorialità si possono ricercare elementi che accomunano e che rendono meno individualizzato il percorso migratorio.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo

Gruppo come spazio di transito e non luoghi. / Profita, Gabriele.

2006, .

Risultato della ricerca: Other contribution

@misc{2718f480500646e5bb21c5589c4502d4,
title = "Gruppo come spazio di transito e non luoghi",
abstract = "Nel lavoro viene descritto il concetto di non luogo, elaborato da M. Aug{\'e}, in riferimento ad una esperienza di gruppo condotta con pazienti stanieri. Il non luogo, come spazio anonimo di transito, si pensi agli aeroporti, rappresenta bene la condizione sospesa del migrante. Attraverso la condivisione di vissuti di deterritorialit{\`a} si possono ricercare elementi che accomunano e che rendono meno individualizzato il percorso migratorio.",
author = "Gabriele Profita",
year = "2006",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Gruppo come spazio di transito e non luoghi

AU - Profita, Gabriele

PY - 2006

Y1 - 2006

N2 - Nel lavoro viene descritto il concetto di non luogo, elaborato da M. Augé, in riferimento ad una esperienza di gruppo condotta con pazienti stanieri. Il non luogo, come spazio anonimo di transito, si pensi agli aeroporti, rappresenta bene la condizione sospesa del migrante. Attraverso la condivisione di vissuti di deterritorialità si possono ricercare elementi che accomunano e che rendono meno individualizzato il percorso migratorio.

AB - Nel lavoro viene descritto il concetto di non luogo, elaborato da M. Augé, in riferimento ad una esperienza di gruppo condotta con pazienti stanieri. Il non luogo, come spazio anonimo di transito, si pensi agli aeroporti, rappresenta bene la condizione sospesa del migrante. Attraverso la condivisione di vissuti di deterritorialità si possono ricercare elementi che accomunano e che rendono meno individualizzato il percorso migratorio.

UR - http://hdl.handle.net/10447/8407

M3 - Other contribution

ER -